Focolaio Fiumicino | chiusi due ristoranti | emergono 8 contagi

Le autorità tengono sotto stretta osservazione la situazione focolaio Fiumicino. Nella cittadina in provincia di Roma emerge un cluster con alcuni infetti.

Focolaio Fiumicino
Controlli focolaio Fiumicino Foto dal web

È scoppiato un nuovo focolaio nel Lazio, ed a Fiumicino in particolare. Dopo alcuni episodi di contagio circoscritti in specifiche aree a Roma nei giorni scorsi, adesso ecco che è la cittadina dove sorge il noto aeroporto a fare segnare diversi casi di infezione da Covid.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus colpisce anche il cervello: “Danni per 3 pazienti su 4”

Tutto sarebbe nato da un locale, il bistrot ‘Indispensa’, dove il titolare sarebbe andato al lavoro pur essendo positivo. Resta da stabilire se tale soggetto fosse o meno consapevole della cosa. Tra l’altro questa persona gestisce un altro locale sempre a Fiumicino, assieme ad un altro individuo. E per impedire il propagarsi del focolaio, la Asl Roma 3 ha disposto la chiusura di entrambi i ristoranti. L’Ente sanitario ha già svolto 400 tamponi su diverse persone che hanno mangiato nei suddetti locali dallo scorso 22 giugno. Ci sono per ora 8 persone positive. Sono i due gestori, due dipendenti e poi 4 persone che convivono con un paziente attualmente ricoverato allo ‘Spallanzani’.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Focolaio Fiumicino, autorità sanitarie al lavoro per arginare il fenomeno

Quest’ultimo è originario del Bangladesh. Le autorità sanitarie e l’Unità di Crisi della Regione Lazio stanno portando avanti una accurata indagine epidemiologica. Ad essa è accompagnato un controllo a tappeto a Casal Bernocchi per cercare di individuare tutti i soggetti positivi e per mantenere circoscritto questo nuovo cluster. Contestualmente la stessa Unità di Crisi Regionale raccomanda tutti i ristoranti ed i locali del territorio di conservare i contatti dei propri clienti. Questo agevolerà le operazioni di rintracciamento di soggetti positivi, qualora ce ne fosse la necessità. A dare l’annuncio del sorgere del focolaio a Fiumicino era stato il sindaco, l’ex senatore Esterino Montino. Altri focolai erano sorti nelle ultime settimane alla sede Rai, in un palazzo della Garbatella ed alla IRCCS San Raffaele Pisana di Roma.

LEGGI ANCHE –> Allarme Coronavirus negli Usa: “I contagi veri sono 23 milioni”