Pietro Puzone | dallo scudetto col Napoli di Maradona a clochard

L’ex difensore Pietro Puzone si laureò campione d’Italia con il Napoli di Maradona, di cui era grande amico. Oggi si è ridotto a vivere così.

Pietro Puzone
Dallo scudetto col Napoli ad una vita da clochard per Pietro Puzone Foto dal web

Vinse lo scudetto con il Napoli. Ma oggi per Pietro Puzone le cose sono diventate veramente difficili. Lui attualmente ha 57 anni e con la compagine azzurra vinse anche una Coppa Italia, nonostante le pochissime presenze collezionate con Ottavio Bianchi.

LEGGI ANCHE –> Giuliano Giuliani, l’ex moglie: “Abbandonato da tutti per via dell’AIDS”

Correva la stagione calcistica 1986/87 quando la società presieduta da Corrado Ferlaino e con Diego Armando Maradona a trascinare la squadra riuscì ad imporsi in Italia per la prima volta in assoluto nella sua storia. Proprio con Maradona, Pietro Puzone strinse una buona amicizia. Puzone era originario di Acerra, comune che sorge a breve distanza dal capoluogo campano. Fuori dal campo passava le notti fuori con Diego, spesso trasgredendo e pensando solo a divertirsi. Ma da giovani ci stava, considerano poi che alla fine i risultati arrivarono. Ed a Puzone si deve un grande gesto di generosità. Fu infatti lui ad organizzare una partita di beneficenza ad Acerra allo scopo di raccogliere fondi per pagare il costosissimo intervento chirurgico al quale doveva sottoporsi un bambino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Dolce&Gabbana condannati a risarcire Maradona: ecco perché

Pietro Puzone, il sindaco di Acerra: “Stiamo cercando di aiutarlo”

Per quanto riguarda la sua carriera calcistica, Pietro militò con Catania, Spezia ed Ischia Isolaverde. Finì molto presto di giocare, nel 1990, a soli 27 anni. Oggi un ascoltatore de ‘La Radiazza’, programma radiofonico molto seguito in Campania, parla di un Puzone che versa in condizioni di estrema indigenza. “Dorme sulle panchine in strada, vive da clochard”. Anche il sindaco di Acerra ha affermato di essersi interessato alla vicenda. “Abbiamo provveduto ad aiutarlo, ma non sembra molto collaborativo. Forse chi ha giocato con lui in quel Napoli di fine anni ’80 potrebbe essere più convincente di noi. Così accetterebbe di farsi aiutare”.

LEGGI ANCHE –> Chi è Santiago Lara, il figlio segreto di Maradona: età e storia