Minorenne subisce uno stupro | si vendica accoltellando il violentatore

Una minorenne attaccata in uno stupro si prende la sua vendetta mesi dopo. Sulla vicenda indagano i carabinieri, che ora hanno fermato lei e due complici.

minorenne stupro
La minorenne subisce uno stupro e si vendica così Foto dal web

Una ragazzina che aveva subito uno stupro a gennaio del 2019 e che è ancora minorenne ha pianificato una tremenda vendetta, spalleggiata dal suo attuale fidanzato e da un loro amico. Il gruppo ha quindi accoltellato un 19enne di nazionalità pakistana, con il delitto andato in scena lo scorso 12 novembre a Novate Milanese, in provincia del capoluogo lombardo.

LEGGI ANCHE –> Violenza carnale | ammazza il suo stupratore e ora rischia l’ergastolo

Il giovane extracomunitario venne raggiunto alla locale stazione ferroviaria. Sull’episodio hanno indagato i carabinieri di stanza a Rho, che alla fine hanno scoperto tutto quanto, fermando la minorenne ed i suoi complici, tutti di nazionalità italiana. Nei loro confronti c’è da rispondere delle accuse di tentato omicidio, tentata rapina e porto abusivo d’armi. Al contempo il pakistano ed altri suoi due connazionali sono accusati di stupro di gruppo. Il 19enne venne ritrovato sanguinante, con una ferita seria inferta con un’arma da taglio, su di una panchina in stazione. Erano all’incirca le ore 20:00.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> George Floyd, la denuncia del fratello: “E’ morto per 20 dollari”

Subisce uno stupro, si vendica accoltellando il violentatore

Il giovane venne ricoverato al Niguarda per curare la lesione al fianco destro. Intanto i carabinieri avevano subito trovato l’arma utilizzata, gettata in un vicino parco e con delle tracce di sangue appartenente alla vittima. La giovane racconta che aveva concordato un incontro con il pakistano per acquistare un telefono cellulare da regalare al suo compagno. Ma il 19enne avrebbe provato a rimetterle di nuovo le mani addosso per stuprarla. Così sarebbero intervenuti il suo fidanzato e l’amico, che erano nascosti nei pressi. Il coltello era del pakistano, a detta della ragazzina, e questi si sarebbe ferito da solo. Una versione confermata dai due complici ma che invece le indagini smentiscono. L’aggressione è stata condotta dal gruppo e perpetrata in maniera deliberata.

LEGGI ANCHE –> Pamela Mastropietro, non ci fu stupro: “Avrebbe dovuto denunciare lei”