Coronavirus, pronte le linee guida per le scuole materne: ecco le novità

Attività in spazi aperti e niente mascherine: sono queste le parole d’ordine per le scuole materne dopo l’emergenza Coronavirus.

monfalcone

Anche la scuola materna si adegua ai cambiamenti imposti dal Coronavirus. Le attività dovranno svolgersi “privilegiando l’uso di spazi aperti”, garantendo “la stabilità dei gruppi” composti da bambini, insegnanti e collaboratori e la disponibilità di uno spazio “a uso esclusivo di ogni gruppo”. E’ quanto si legge nella bozza delle linee guida redatte dal ministero. I bimbi non saranno tenuti a indossare le mascherine, e per gli adulti i dispositivi non dovranno “far venir meno la possibilità di essere riconosciuti”.

Leggi anche –> Scuola, inizio anno 2020-2021: la posizione del Ministero dell’Istruzione 

Leggi anche –> Scuola, il ministro Azzolina: “A settembre tutti in presenza, no ai doppi turni” 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Maltrattamenti a scuola

La scuola ai tempi del Coronavirus

Nelle linee guida del ministero vengono raccomandate alcune “accortezze” tra cui la stabilità dei gruppi: i bambini frequentano per il tempo previsto di presenza, con gli stessi insegnanti e collaboratori di riferimento; la disponibilità di uno spazio interno a uso esclusivo per ogni gruppo di bambini, con i suoi rispettivi arredi e giochi che saranno opportunamente sanificati. Tutti gli spazi disponibili (sezioni, antisezioni, saloni, atrii, laboratori, atelier) dovranno inoltre essere “riconvertiti” in spazi distinti e separati per accogliere stabilmente gruppi di apprendimento, relazione e gioco. Si potrà variare gli spazi solo dopo attenta igienizzazione e aerazione degli ambienti.

La colazione o la merenda, invece, andranno consumati nello stesso spazio di esperienza dedicato al gruppo dei bambini; il pasto completo, comprensivo di primo, secondo, contorno, acqua e frutta sarà consumato negli spazi adibiti alla refezione scolastica, opportunamente organizzati. Anche sull’ingresso e l’uscita dei bambini sarà necessaria una certa duttilità. Già ora l’ingresso avviene in una fascia temporale “aperta” (che spesso raggiunge i 90 minuti, dalle 7:30 alle 9:00), la quale potrà essere adeguata alle nuove condizioni, programmata e concordata con i genitori; stesso discorso per le fasce di uscita.

EDS