Dramma Enzo Iacchetti: la terribile malattia del figlio Martino

Enzo Iacchetti ospite nello studio di Verissimo ha parlato della grave malattia del figlio Martino che è costata al ragazzo tante e difficoltose cure.

Ospiti qualche tempo fa negli studi di Verissimo, il programma condotto da Silvia Toffanin, Enzo Iacchetti e il figlio Martino hanno parlato del loro rapporto di complicità, fatto dell’amore tipico che lega padri e figli e del periodo buio vissuto dal ragazzo che, ormai trentenne, nella sua adolescenza ha dovuto combattere contro una tremenda malattia.

Leggi anche -> Oggi in tv, Verissimo: anticipazioni e ospiti del 20 giugno

Enzo Iacchetti ha raccontato come abbiano girato medici in tutto il mondo per trovare una cura per la malattia di suo figlio Martino e che, alla fine, hanno avuto successo nello sconfiggere il brutto male. Il ragazzo, nonostante stesse affrontando un momento difficilissimo, racconta di non aver mai perso la speranza. Poi, il conduttore di Striscia la Notizia, ha parlato dell’importanza della notorietà: “In alcune circostanze la notorietà ha aiutato, perché il fatto di essere un volto famoso ti aiuta di più rispetto a persone che, magari, sono senza casa, vittime di tragedie e terremoti“.

Leggi anche -> Silvia Toffanin, bufera a Verissimo: “Ci ha dato palo…”

Enzo Iacchetti, un comico pensieroso

Durante i primi anni della vita di suo figlio, Enzo Iacchetti non era ancora il personaggio che tutti oggi conosciamo e per anni è stato proprio lui ad occuparsi del figlio mentre era sua moglie a lavorare. I due così hanno instaurato un rapporto di amicizia, fiducia e complicità che si è dimostrato indissolubile.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Martino ha poi svelato che, nonostante suo padre sia un bravo comico, nella vita di tutti i giorni è una persona molto pensierosa e triste, sempre preoccupata del tempo che scorre: “Passava i pomeriggi a leggere i suoi copioni e le sue battute, ma essenzialmente lui non è un comico, semmai è un malinconico, dentro. E’ tutt’altro che una persona sempre allegra“.