Naufragio Nuova Iside: cosa è accaduto, indagati e vittime – VIDEO

Cosa sappiamo del naufragio della Nuova Iside, il peschereccio di Terrasini, scomparso il 12 maggio scorso: cosa è accaduto, indagati e vittime.

C’è un’importante novità in queste ore sul caso del naufragio della Nuova Iside, il peschereccio di Terrasini, nel palermitano, scomparso il 12 maggio scorso, a circa 10 miglia da San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani.

Leggi anche –> Burioni Le Iene | il virologo | “Bugie del programma Mediaset verso me”

Il naufragio causò la morte di due persone e un disperso: a bordo della Nuova Iside c’erano Matteo Lo Iacono, il figlio Vito e il cugino Giuseppe. Di Vito non è mai stato recuperato il corpo. Nessun recupero completato anche dell’imbarcazione. Dell’accaduto si è occupata la trasmissione Le Iene.

Leggi anche –> Delia Duran furiosa per lo scherzo delle Iene: ecco la sua reazione

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi sono gli indagati per il naufragio della Nuova Iside

In queste ore, intanto, è arrivata l’iscrizione nel registro degli indagati di due ufficiali della petroliera Vulcanello. Si tratta di un cittadino italiano e uno straniero. Questi sono accusati di omicidio colposo, sommersione di nave e omesso soccorso. Probabilmente, la petroliera avrebbe impattato contro il peschereccio senza che nessuno controllasse la rotta: questa l’ipotesi della procura che indaga sull’accaduto.

Aldo Ruffino, avvocato dei Lo Iacono, ha commentato: “Desideriamo esprimere il nostro ringraziamento nei confronti della procura di Palermo per l’intensa attività istruttoria svolta finora e ci auguriamo presto di poter giungere alla verità. Conoscere ciò che è accaduto quella tragica notte e ciò che ha causato la morte dell’equipaggio della Nuova Iside è fondamentale per porre fine a una tragedia che ha lasciato un enorme vuoto alle famiglie. Attendiamo, infine, che gli sforzi di Guardia costiera e Marina militare possano presto portare all’individuazione del relitto e al recupero del corpo del giovane Vito, ancora disperso”.

Gestione cookie