Gianna Nannini, grave incidente per la cantante: perse tre dita della mano

Gianna Nannini oggi ospite di Domenica In in occasione del suo compleanno ha avuto un gravissimo incidente che ha portato all’amputazione di tre dita della mano.

Gianna Nannini
(Getty Images)

La cantante non ha mai nascosto l’accaduto che ha rischiato di avere conseguenze ancora peggiori e che ha messo a serio rischio la sua carriera in un momento in cui ancora stava imparando a suonare il pianoforte.

Leggi anche –> Gianna Nannini sposata, chi è la moglie Carla: il matrimonio avvenuto a Londra

Leggi anche –> Gianna Nannini rivela | La verità | “Ecco perché ho sposato Carla”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Oh Marinaio…

Un post condiviso da Gianna Nannini (@officialnannini) in data:

Il racconto dell’incidente fatto direttamente da Gianna Nannini

La cantante lanciata da Mara Maionchi infatti ha raccontato così la sua infanzia come operaia nella pasticceria dei genitori compreso l’incidente avvenuto proprio su lavoro: “Cominciai bambina a decorare le torte. A 17 anni presi servizio come operaia: guadagnavo 1.740 lire all’ora, come le altre donne; gli uomini 2.500. Ne litigavo sempre con il babbo.

Leggi anche –> Chi è Gianna Nannini: età, carriera, figlia, vita privata della cantante

Con lui avevamo una nostra sintonia, ma gli urti erano terribili. Mi vide in minigonna, con la calzamaglia sotto. Diede uno schiaffo alla mamma — il primo e l’ultimo della sua vita —, prese le forbici e ridusse la gonna a striscioline. Da allora porto solo pantaloni. Lasciai nella macchina per i ricciarelli le falangi del medio e dell’anulare della mano sinistra. Finirono nell’impasto dei dolci, ma nessuno li ha mangiati; li ritrovarono il giorno dopo, troppo tardi per riattaccarli. Cacciai un urlo terribile, la voce roca mi è venuta allora. Poi svenni. Al conservatorio mi bocciarono: al pianoforte le scale venivano un po’ zoppicanti. Ridiedi l’esame con due piccole protesi di plastica e le unghie finte: lo passai. L’assicurazione versò due milioni. Mi ci pagai la fuga a Milano. Per anni non parlai coi miei genitori”.