Gruppo sanguigno Coronavirus | “quello 0 abbassa il rischio di positività”

Studio gruppo sanguigno Coronavirus, dei ricercatori notano una correlazione importante tra il tipo ed il rischio di sviluppare la malattia.

gruppo sanguigno laboratorio
Connessione gruppo sanguigno laboratorio FOTO Getty Images

Alcuni studi scientifici riferiscono che un gruppo sanguigno specifico risulterebbe più al riparo dal Coronavirus rispetto agli altri. Si tratta di quello del tipo 0. E tale affermazione deriva da una analisi su un campione di più di 750mila persone sottoposte a dei test genetici da parte della società 23andMe nello scorso mese di aprile.

LEGGI ANCHE –> Salvini da Floris, clamorosa gaffe sulla mascherina in pubblico

Lo scopo era cercare di capire se delle particolari predisposizioni o condizioni genetiche potessero avere un qualche ruolo in quella che è l’attitudine di un individuo di ammalarsi, dal momento che la comunità scientifica ha notato come, a parità di condizioni, alcune persone si ammalino manifestando sintomi anche gravi mentre altro presentino solo segnali lievi. Dai dati estrapolati da questo studio ne viene fuori quella che sembra essere una conferma dell’importanza di un determinato gruppo sanguigno nel Coronavirus. Il gruppo sanguigno viene determinato da un gene chiamato ABO. Il virus si dimostra più o meno suscettibile allo stesso. Nei confronti di quello 0 poi attecchisce con maggiori difficoltà.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Sanità Lombardia | Fontana rimuove Cajazzo | al suo posto Crivelli

Gruppo sanguigno Coronavirus, tendenze a maggiore protezione già notate da studiosi cinesi

Gli scienziati hanno calcolato anche la percentuale di protezione ulteriore fornita in questo caso, che oscilla tra il 9 ed il 18% in meno di possibilità di sviluppare positività al Covid. Ma il gruppo 0 sembra proteggere in maniera più marcata rispetto ad altri gruppi anche da altre forme di malattia pure gravi. “Ciò in relazione se adeguati all’età, al sesso, all’indice di massa corporea, all’etnia”, fa sapere 23andMe. Che inoltre parla anche di probabili collegamenti tra Covid, malattie cardiovascolari e coagulazione del sangue. Questa tendenza era stata notata anche da studiosi cinesi.

LEGGI ANCHE –> Fauci seconda ondata | “Il virus tornerà | almeno un anno per la normalità”