Maddie McCann, i genitori si allenavano nei pressi della casa del presunto assassino

A quanto pare i genitori di Maddie McCann sono passati spesso di fronte alla casa del sospettato per fare jogging, nei giorni successivi alla scomparsa.

Da qualche giorno a questa parte i riflettori dei media di tutto il mondo si sono riaccesi sul caso di scomparsa di Maddie McCann. Dalla Germania, infatti, hanno fatto sapere che il principale sospettato per il rapimento della bambina scomparsa nel 2007 a Praya da Luz è un cittadino tedesco attualmente in carcere per un altro reato. Christian Brueckner è stato infatti condannato per stupro ai danni di una donna di 72 anni. Su di lui pendono altre accuse di violenza sessuale ai danni di ragazze e bambine.

Leggi anche ->Maddie McCann: la prima foto di Christian Brueckner, sospetto assassino

Gli investigatori hanno scoperto che Brueckner viveva in Portogallo nel periodo in cui è stata rapita la bambina. Già allora il sospettato viveva ai margini della legalità, spacciando droga e facendo rapine all’interno di case vacanze e stanze d’albergo. I detective sono convinti inoltre che già all’epoca si macchiasse di crimini di natura sessuale e che possa aver rapito Maddie durante una rapina al Resort in cui lei ed i genitori alloggiavano. Nelle ultime ore la polizia tedesca ha fatto sapere che Brueckner è sospettato di omicidio nel caso McCann. Sebbene non vi siano prove che la piccola sia stata uccisa, l’ipotesi di un assassinio non è stata scartata.

Leggi anche ->Maddie McCann è morta, l’annuncio del procuratore: il pedofilo era in Italia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Maddie McCann, i genitori hanno fatto jogging giornalmente davanti la casa del sospettato

La casa in cui risiedeva Brueckner all’epoca del rapimento di Maddie McCann era a pochi passi di distanza dal resort in cui risiedeva la famiglia britannica per le vacanze. La distanza era talmente breve che i genitori di Maddie ci passavano quotidianamente durante i primi giorni d’indagini per fare jogging. Possibile, dunque, che la coppia sia stata ad un passo dalla figlia in diverse occasioni senza saperlo.

Il proprietario dell’appartamento, affittato in quel periodo a Christian ed alla fidanzata, ha rivelato il poco che sa sulla coppia a Sky News. Questo, anch’esso un cittadino britannico, spiega che in loro non c’era nulla di sospetto: “Sembrava una giovane coppia ordinaria che tentava di cavarsela in Portogallo”. L’uomo successivamente aggiunge: “Ci siamo incontrati di persona quando siamo passati per le vacanze. Solo dopo un po’ di tempo abbiamo saputo che il ragazzo era tornato in Germania”.

Il proprietario ha aiutato in questi anni la polizia, fornendo loro le informazioni che aveva su Christian, anzi in un primo momento è stato proprio lui a contattarla quando ha scoperto che lui e la fidanzata avevano abbandonato l’appartamento: “Nel 2006 i miei vicini mi hanno contattato in UK per dirmi che la casa sembrava disoccupata. Ho contattato la polizia e mi è stato detto che era stato arrestato. Un anno dopo a contattarmi sono state la polizia inglese e quella portoghese”.