Home News Sperlonga, turista in spiaggia con 39.2 di febbre: respinta al termoscanner

Sperlonga, turista in spiaggia con 39.2 di febbre: respinta al termoscanner

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:39
CONDIVIDI

Sperlonga, turista in spiaggia con 39.2 di febbre: respinta. Ad individuarla è stato il termoscanner, acquistato per precauzione dallo staff del Lido. La donna voleva godersi una giornata di mare.
turista in spiaggia

E’ avvenuto su una delle spiagge sulle quali in questi giorni stanno riversandosi i primi turisti, per trascorrere qualche momento di spensieratezza dopo il faticoso periodo di quarantena che tutto il nostro Paese ha recentemente attraversato e dal quale iniziamo faticosamente ad uscire.

Leggi anche –> Coronavirus Lombardia | obbligo misurare la febbre al supermercato

e anche –>Aeroporti, allarme Coronavirus controlli febbre su tutti i voli

Leggi anche –> Coronavirus, il virologo Burioni: “Chi ha la febbre deve stare a casa”

Sperlonga, turista in spiaggia con 39.2 di febbre: a rilevarla è stato il termoscanner

La prudenza non è mai troppa. In particolar modo in questo periodo così delicato nel quale il nostro Paese si trova a fare i conti con la gestione della terza fase di questa emergenza sanitaria. Mentre infatti, con grande impegno e attenzione, moltissime categorie produttive tentano di ripartire, c’è sempre qualcuno che crede, in barba ai divieti, di poter fare ciò che vuole. E’ accaduto nelle ultime ore a Sperlonga, in provincia di Latina.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

E’ stato infatti presso il Lido Olimpo che si è recata una turista romana, per trascorrere una giornata di sole e di mare. La donna però non era nelle condizioni di poterlo fare, avendo una febbre che arrivava a 39.2. E’ stato il termoscanner del Lido a rilevare la temperatura della signora.

A diffondere la notizia è stato Il Messaggero, che ha descritto anche come il Lido non fosse obbligato ad acquistare il dispositivo di rilevamento della temperatura, eppure aveva deciso di farlo per tutelare la salute dei propri clienti. E’ stato grazie al dispositivo in questione, che ha rilevato per due volte consecutive l’alta temperatura della donna, che lo staff è riuscito subito ad individuare la signora e ad accompagnarla all’uscita. Scusandosi, il titolare dello stabilimento ha invitato la donna a tornare in un’altra occasione a trovarli, perché in questo periodo, si sa, le precauzioni non sono mai troppe.
turista in spiaggia