Home News Sergio De Gregorio arrestato: l’ex senatore indagato per estorsione

Sergio De Gregorio arrestato: l’ex senatore indagato per estorsione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:43
CONDIVIDI

L’ex senatore Sergio De Gregorio è stato arrestato nel corso di un’operazione della Squadra Mobile di Roma. Il politico è finito al centro di un’inchiesta su estorsione e riciclaggio.

Si è conclusa nelle scorse ore un’operazione della Squadra Mobile di Roma coordinata dal Dda e finalizzata a smantellare un giro di estorsione e riciclaggio di denaro. I membri della Sezione Criminalità organizzata hanno seguito per mesi sia gli attori (società e responsabili) che i flussi di denaro del racket. Quando sono state raccolte prove sufficienti, la Dda ha chiesto al gip incaricato di seguire le indagini di poter agire.

Leggi anche ->Mafia | maxi sequestro della Guardia di Finanza | fermato ex Grande Fratello

Il magistrato ha emesso 9 ordinanze di custodia cautelare e disposto il sequestro di società create appositamente per gestire il riciclaggio di denaro. Gli agenti della Squadra Mobile hanno quindi eseguito gli arresti ed il sequestro delle società, dalle quali sono stati sequestrati anche 480 mila euro. Tra gli arrestati figura anche Sergio De Gregorio, ex senatore tra le file dell’Ulivo e di Forza Italia. Lui e le altre 8 persone arrestate sono accusate, a vario titolo ed in concorso, di estorsione, riciclaggio e autoriciclaggio.

Leggi anche ->Taranto, corruzione: arrestato procuratore capo – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sergio De Gregorio e l’indagine Berlusconi

Non è la prima volta che l’ex senatore viene indagato. Precedentemente infatti era finito al centro di un’indagine per corruzione. Eletto nel 2006 tra le file di Italia dei Valori, De Gregorio è stato corrotto da Silvio Berlusconi (ha ricevuto 3 milioni di euro) per lasciare le fila della maggioranza e contribuire alla caduta del governo Prodi. La vicenda legale si concluse nel 2017 con la prescrizione del reato di corruzione per Silvio Berlusconi e Valter Lavitola. La sentenza della Corte d’Appello è stata successivamente confermata dalla Cassazione che ha riqualificato il reato in corruzione impropria.