Home News Coppia di influencer nella bufera: hanno rimandato indietro il bimbo adottato perché...

Coppia di influencer nella bufera: hanno rimandato indietro il bimbo adottato perché autistico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:43
CONDIVIDI

Una coppia di influencer statunitensi è finita al centro di una bufera mediatica per aver rimandato indietro un bimbo cinese adottato 3 anni prima, perché autistico.

La coppia James e Mika Stauffer è molto nota negli Stati Uniti grazie ai social network. I due sono da anni degli influencer seguitissimi sui social e spesso condividono condigli sulla famiglia e la genitorialità. I due coniugi, infatti, sono genitori di 4 figli e 3 anni fa avevano deciso di adottarne un quinto dalla Cina. Un gesto evidentemente sentito, ma che gli si è ritorto contro una settimana fa, quando hanno deciso di non occuparsi più del piccolo per via dei suoi problemi. Il bimbo, infatti, è affetto da autismo e gli Stauffer non sono riusciti a prendersi cura di lui.

Leggi anche ->Ashley Stock, terribile lutto per l’influencer: la figlia muore a 3 anni

Ad annunciare la scelta sui social sono stati gli stessi influencer, con Mika che con gli occhi lucidi ha ammesso di provare un senso di fallimento per la scelta compiuta: “aveva troppe esigenze particolari, a cui non riusciamo a far fronte, di cui non eravamo a conoscenza e di cui nessuno ci aveva parlato. Mi sento una madre fallita al 500%”. Quell’ammissione di colpa non è bastata ai loro follower e ai detrattori, i quali hanno cominciato ad inveire pesantemente contro di loro e a criticarli accusandoli di mancanza di empatia e sensibilità.

Leggi anche ->Influencer arrestata a causa dei video sui social: “Viola valori famiglia”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coppia di influencer abbandonata dagli sponsor per aver tornato indietro un bimbo autistico adottato 3 anni prima

Una decisione che solitamente è strettamente pertinente alla sfera familiare, nel loro caso è quindi diventata di dominio pubblico ed ha avuto importanti ripercussioni. La settimana di critiche e attacchi ha infatti convinto alcuni sponsor ad abbandonare la coppia per evitare che essere associati a loro significasse ricevere una pubblicità negativa. Ad esempio la Mattel (nota azienda produttrice di giocattoli) ha dichiarato a riguardo: “Abbiamo lavorato con quella famiglia in passato, al momento non c’è alcuna collaborazione e non abbiamo intenzione di avviarne un’altra in futuro”.

Tra le accuse più frequenti c’è quella di non aver pensato ai bisogni del bambino, ma solo ai proprio. C’è infatti chi gli scrive: “Essere abbandonati da una famiglia dopo tre anni e doversi riadattare ad un nuovo ambiente è traumatico per qualsiasi bambino, ancora di più per uno affetto da autismo”.