Home News M5S, Di Battista propone il “servizio ambientale” per i giovani: ecco cos’è

M5S, Di Battista propone il “servizio ambientale” per i giovani: ecco cos’è

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:28
CONDIVIDI

Secondo l’esponente pentastellato Alessandro Di Battista “bisogna istituire un servizio ambientale” con “200mila giovani che si occupino della tutela del territorio”. 

Di Battista

Un “servizio ambientale” per 200mila giovani che si occuperanno di preservare l’ecosistema italiano: questa la proposta che Alessandro Di Battista, tra i più noti esponenti del Movimento Cinque Stelle, ha proposto su Facebook. L’idea è quella di un “esercito” di ragazze e ragazzi under 30 impegnati a tutelare il territorio. Il grillino vorrebbe creare, stando a quanto scrive sul suo profilo social, un programma analogo al servizio militare o civile, ma “pagato bene” e, soprattutto, più utile.

Leggi anche –> Alessandro Di Battista, chi è: età, vita privata e curiosità del 5 Stelle 

Leggi anche –> L’inquinamento delle città italiane: cosa respiriamo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Deficit

La ricetta di Di Battista per risollevare l’Italia

“Da alcuni mesi – spiega Alessandro Di Battista nel suo post – sto lavorando ad un programma nazionale insieme a Lapo Sermonti, un giovane esperto dell’Onu che si occupa dell’integrazione della protezione ambientale e degli effetti del cambiamento climatico nei progetti Ifad”. Il programma, dice il leader pentastellato, è stato chiamato “Servizio Ambientale e sarà coordinato dal Ministero dell’ambiente con l’obbiettivo di impiegare fino a 200.000 giovani (under 32) all’anno”.

Di cosa si dovrebbe occupare esattamente questa task-force? “Oggi la prevenzione ambientale è il modo migliore per difendere la Nazione – continua Di Battista -. Attraverso il servizio ambientale verranno create vere e proprie squadre di lavoro che, su tutto il territorio nazionale (con priorità data ai terreni demaniali ma senza escludere interventi su proprietà private a determinate condizioni), si occuperanno della salvaguardia del territorio attraverso attività che stiamo strutturando grazie al Piano Nazionale per l’Adattamento al Cambiamento Climatico”. Per il momento è solo un’idea ma, conclude il grillino, “abbiamo appena presentato la proposta al ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, che si è mostrato entusiasta”.

EDS

alessandro di battista