Home News Marcello Lippi, che fine ha fatto l’allenatore campione del mondo

Marcello Lippi, che fine ha fatto l’allenatore campione del mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:57
CONDIVIDI

Che fine ha fatto Marcello Lippi, l’allenatore campione del mondo con l’Italia nel 2006 e uno dei mister più titolati della storia del calcio.

(Francois Nel/Getty Images)

Lo ricordiamo per essere stato l’allenatore che sedeva sulla panchina dell’Italia nei mondiali di Germania del 2006, che gli azzurri conquistarono ai rigori contro la Francia. In realtà, Marcello Lippi ha un palmares lunghissimo fatto di trionfi in mezzo mondo.

Leggi anche –> Italia Campione del Mondo 2006, i ricordi di Marcello Lippi – VIDEO

56 panchine con gli azzurri, ha praticamente vinto tutto con la Juventus: cinque scudetti, una Coppa Italia, una Coppa Campioni (l’ultima bianconera ormai 24 anni fa), una Coppa Intercontinentale, quattro Supercoppa Italiana e una Coppa Uefa.

Leggi anche –> Marcello Lippi, l’attacco della stampa cinese: “Non fa il suo lavoro”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I successi di Marcello Lippi in Italia e all’estero

(Koki Nagahama/Getty Images)

L’allenatore classe 1948, due volte Panchina d’Oro e una serie interminabile di riconoscimento in Italia e all’estero per quanto fatto sulla panchina della Juventus prima e della Nazionale azzurra poi, nel 2006 – dopo la vittoria dei mondiali di calcio – è stato nominato Commendatore dell’ordine al merito della Repubblica Italiana. Ma Marcello Lippi ha vinto tanto anche in territori lontani.

Lasciata l’Italia nel 2010, infatti, nel 2012 tenta l’esperienza all’estero, addirittura in Cina, sulla panchina dello Guangzhou Evergrande. Anche in Estremo Oriente vince tutto: tre volte primo nella Chinese Super League e vincitore della Coppa di Cina, ha un record forse unico. L’allenatore ha infatti conquistato nel 2013 la Champions League asiatica, bissando il successo del 1996 in Coppa Campioni con la Juventus. Nel 2016, viene scelto come allenatore della nazionale cinese: siede più di 30 volte in panchina, ma il 14 novembre 2019, dopo la sconfitta per 1-2 contro la Siria lascia definitivamente l’incarico.