J-Ax ha un fratello: chi è Grido, ex componente dei Gemelli DiVersi

Chi è Grido, ex componente dei Gemelli DiVersi e fratello di J-Ax: carriera e curiosità, i successi col gruppo e i brani cantati da solista.

(screenshot video)

Luca Paolo Aleotti, nome d’arte Grido, conosciuto anche come Weedo, milanese classe 1979: è lui il fratello minore di J-Ax. Rapper e cantautore, l’artista è noto per aver fatto parte dei Gemelli DiVersi fino al 2014.

Leggi anche –> J-Ax, chi è: età, vita privata, moglie, carriera del rapper milanese

Inoltre, ancora giovanissimo, ha fatto parte dei collettivi Spaghetti Funk e TDK. La sua prima apparizione musicale a metà anni Novanta con gli Articolo 31 nel brano Cavaliere senza re. L’anno dopo, lui e Strano fondano i Rima Nel Cuore.

Leggi anche –> J-Ax e Fedez si dicono addio: ecco l’ultima canzone insieme

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa sapere su Grido, fratello minore di J-Ax

Dalla successiva fusione di questo duo con i La Cricca, composti da Thema e THG, nascono i Gemelli DiVersi, il cui primo disco esce nel 1998, intanto prosegue la collaborazione per alcuni pezzi degli Articolo 31. Tra i brani più famosi degli esordi, c’è la cover della famosa canzone dei Pooh Dammi solo un minuto, che si avvale della voce di Jenny B. Esce nel 2003 il singolo Mary, contenuto nel disco Fuego, che parla di violenza domestica e ottiene un grande successo commerciale. Nel 2009, il gruppo ha partecipato alla 59ª edizione del Festival di Sanremo presentando il pezzo Vivi per un miracolo.

Negli anni, Grido si concentra anche su alcune produzioni in autonomia e nel 2011 esce il suo primo album solista, intitolato Io Grido, a cui collaborano tra gli altri Tormento e i Sud Sound System. A giugno 2014 Grido ha abbandonato i Gemelli DiVersi, cambiando il suo nome d’arte in Weedo. Con questo nome, realizza alcune produzioni e collaborazioni, prima di tornare a usare, a partire dall’estate 2016, il suo nome d’arte originario. Nel marzo 2017, esce il secondo album di inediti Segnali di fumo. Tra gli ultimi singoli, Qualcosa di buono (feat. Il Cile)
e Il fascino del male (con Mark the Hammer), contenuti in Diamanti e fango. Tra le tante collaborazioni, quelle con Shade, Laura Bono e CaneSecco.