Cosimo Stano, condannati i bulli che torturarono il 66enne: la sentenza

Sono stati condannati i tre ragazzi accusati di torture al pensionato Cosimo Stano. Ecco cosa ha deciso il gup di Taranto, Vilma Gilli. 

Si conclude con tre condanne a carico di due 19enni e un 23enne il processo per le torture al pensionato Cosimo Antonio Stano. Il gup di Taranto, Vilma Gilli, ha ritenuto colpevoli i giovani accusati di aver partecipato alle aggressioni ai danni del 66enne, poi deceduto il 23 aprile dello scorso anno. Due degli imputati – Gregorio Lamusta e Antonio Spadavecchia – sono stati condannati a 10 anni, mentre l’altro, Vincenzo Mazza, a 8 anni e 8 mesi.

Leggi anche –> Morte Antonio Cosimo Stano: spunta il video in cui si difende dalla baby gang 

Leggi anche –> Morte Antonio Stano, arrestati nove dei ragazzi che lo hanno torturato 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’ultimo capitolo del caso Cosimo Stano

Il pm Remo Epifani aveva chiesto per i tre imputati la condanna a 20 anni di carcere, il massimo della pena visto che il procedimento si è svolto con rito abbreviato. A vario titolo erano contestati i reati di tortura aggravata dalla sopraggiunta morte, lesioni personali, percosse, molestie, furto, sequestro di persona nonché violazione di domicilio. La vittima, secondo quanto emerso dalle indagini, fu sottoposta a una serie di aggressioni da parte di più gruppi di giovani che poi postavano i video della “bravata” sulle chat di Whatsapp.

Nei decreti di fermo sono state descritte le “nefandezze” che, secondo la procura di Taranto e quella dei Minorenni, inchiodano la baby-gang. “Quante botte ha preso quando siamo entrati in casa”, scriveva uno di loro in chat. Negli agghiaccianti filmati si sentono bestemmie, frasi di scherno e sputi indirizzati alla vittima, che veniva colpita “ripetutamente” anche “con calci e agitandogli contro una mazza”.

Leggi anche –> Pensionato di Manduria: per l’accusa la baby gang non deve andare in carcere 

EDS