Zio orco abusa della nipote 13enne: “Mi fidavo di lui e mi ha rovinato la vita”

Una donna che è stata vittima di abusi da parte dello zio per 2 anni, racconta gli orrori che ha vissuto quando l’uomo ne ha violato l’innocenza.

Sono passati 17 anni da quando Leila Ives, donna residente a Brough (Yorkshire), ha subito l’ultimo abuso da parte dello zio. A quel tempo aveva appena 15 anni e nei precedenti 2 aveva subito le attenzioni morbose del parente senza riuscire a sottrarsi. Sebbene sia riuscita a denunciarlo a distanza di oltre 10 anni e l’uomo adesso stia scontando una pena di 5 anni, Leila non riesce a superare il trauma causato da quelle violenze.

Leggi anche ->Uccise il suocero | l’anziano abusò di sua figlia | condannato

Gli abusi avvenivano quando la ragazza passava un periodo a casa della sorella della madre. Lo zio aveva pianificato tutto da tempo ed il primo approccio è avvenuto quando la giovane vittima aveva appena 13 anni. L’uomo si è infilato nel suo letto e l’ha obbligata fare sesso. Concluso quel primo rapporto l’ha minacciata, dicendole che se avesse confidato a qualcuno quanto successo avrebbe ucciso sua zia. Quell’incubo è continuato per 2 anni, per un totale di circa 30 rapporti. Quando Leila si è negata, l’uomo l’ha pregata pur di avere un ultima volta, ma la ragazza è stata ferma nella decisione e lui non ci ha più provato.

Leggi anche ->Mamma condannata ad 8 anni: lasciava che l’amico abusasse dei figli

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Zio orco abusa della nipote, la vittima racconta tutto dopo 17 anni

Leila ha cominciato a comprendere a livello conscio che quanto aveva subito era sbagliato quando aveva 26 anni. Aveva letto storie di ragazze abusate e si riconosceva nelle vittime. Dopo aver denunciato lo zio ed aver scritto una biografia in cui manteneva l’anonimato, la donna ha deciso di uscire allo scoperto e raccontare ai media la sua storia. In parte per liberarsi di quel peso che l’attanaglia da quando era piccola, in parte per mettere in guardia le ragazze e fare capire loro che bisogna denunciare e non vergognarsi.

La ragazza spiega: “Non sapevo che quello che stava facendo era sbagliato. L’ho fermato quando avevo 15 anni dicendogli che non volevo più farlo. Ho raggiunto i 26, 27 anni ed ero costantemente irritata quindi sono andata da uno psicologo ed ho compreso che non era giusto. Dovevo tenermi costantemente occupata oppure i pensieri (di quello che era successo) tornavano ad affollare la mia mente. Ero costantemente infelice e non mi piacevo e non avevo capito che era stato questo (ciò che Calam mi aveva fatto) a rendermi così”.