Home News Padre trascura la figlia di 4 anni, la bimba muore e viene...

Padre trascura la figlia di 4 anni, la bimba muore e viene divorata dai ratti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:21
CONDIVIDI

Un padre australiano è accusato di omicidio dopo che il corpo della figlia di 4 anni deceduta è stato abbandonato in una stanza e divorato dai ratti.

La piccola Willow Dunn, bimba di 4 anni affetta dalla sindrome di Down, è deceduta sabato scorso nel suo appartamento a Cannon Hill (Brisbane, Australia). Le cause del suo decesso sono ancora al vaglio degli agenti della polizia locale, ma l’ipotesi è che il padre possa averla lasciata morire di fame e le abbia negato le cure che le servivano. Sul suo corpo sono state inoltre trovati segni di bruciature sul capo e piaghe profonde in un’anca.

Leggi anche ->Bimba di 3 anni uccisa a coltellate dalla babysitter: “Ha rotto il lettore dvd”

A far propendere per questa ipotesi c’è l’enorme ritardo nella richiesta dei soccorsi. L’uomo si è reso conto che la figlia era morta sabato, ma invece di allertare le forze dell’ordine e i paramedici ha atteso il lunedì mattina. Il corpo della piccola, lasciato nella culla si è cominciato a decomporre ed è stato lentamente rosicchiato dai topi. Una scena raccapricciante che dimostra la negligenza da parte del genitore.

Leggi anche ->Tragedia in Florida, morta bimba trascinata via dalla corrente

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Padre trascura la figlia affetta dalla sindrome di Down, accusato di omicidio

La piccola Willow è cresciuta senza la madre biologica, morta proprio il giorno in cui lei è nata. Il padre da quel giorno drammatico si è ricostruito una vita ed una famiglia, sposandosi con un’altra donna. La matrigna e la sorellastra vivevano nella stessa casa, tuttavia per loro non è stato formulato alcun capo d’accusa. Per il padre, invece, s’indaga per omicidio volontario: per la legge australiana infatti trascurare volontariamente le necessità del figlio è considerato omicidio.

Il ministro della polizia di Brisbane, Dan Purdie, ha dichiarato alla stampa locale: “L’interrogativo principale in questo caso orrifico di presunta negligenza è come sia possibile che la bimba sia stata lasciata morire e come sarebbe stato possibile prevenire un simile accadimento”. I servizi sociali, infatti, erano in contatto con la famiglia Dunn per curare e salvaguardare la salute di Willow.