Mohammad e Ahmed, storia dei due gemelli siamesi uniti per la testa

La storia dei gemelli siamesi Mohammad e Ahmed inizia nel 2001 quando nascono uniti per la calotta cranica. RealTime ha realizzato su di loro un documentario. 

Mohammad e Ahmed sono due gemelli siamesi egiziani nati nel 2001 nel villaggio di Qos, a circa 500 miglia a sud de Il Cairo. Nascono con parto cesareo, ciascuno con un proprio cervello, ma uniti da una fitta rete di vasi sanguigni sotto la calotta cranica. La loro anomalia era stata segnalata ai genitori Ibrahim Gad e Sabah Abu Al Wafa, che non avevano accettato la diagnosi e fino all’ultimo avevano sperato in un errore dei medici.

Leggi anche -> Gemelline morte nell’incendio: sono state ritrovate mano nella mano

Per i genitori può essere molto difficile pensare che un figlio concepito da loro possa avere dei problemi di salute e molti sarebbero disposti, se fosse possibile, a prendere il posto dei propri bambini pur di vederli soffrire. Quando i bambini nascono, però, viene confermata la loro condizione: sono craniopagi, una condizione molto rara, che si verifica in meno del 2% dei gemelli siamesi. Mohammad e Ahmed sono molto fortunati perché il 40% dei bambini craniopagi decede prima del parto e un terzo non sopravvive più di 24 ore. Appena nati i bambini sono trasferiti all’Università del Cairo Abu el-Reesh Hospital e affidati alle cure del chirurgo prenatale Abdel Al Nassar.

Leggi anche -> Partorisce due gemelli | i nomi dei bimbi sono Covid e Corona

Il delicato intervento dei gemelli siamesi Mohammad e Ahmed

Ad un anno d’età i bambini vengono portati al Children’s Medical Center di Dallas, in Texas, dove il chirurgo craniofacciale Kenneth Salyer vuole valutare l’intervento per la separazione. La preparazione per l’intervento dura un anno a causa degli altissimi rischi che prevede l’operazione, che ha una possibilità di sopravvivenza inferiore al 10%. L’operazione per la separazione dura 34 ore, di cui 26 dell’intervento e 8 per la ricostruzione dei crani dei due bimbi, eseguita da una équipe medica composta da 60 persone. I bambini sono sopravvissuti e nel 2005 si sono ricongiunti con il fratellino e la sorellina in Egitto. RealTime ha realizzato un documentario sulla loro storia, chiamato Gemelli Siamesi, in onda stasera 27 maggio alle 21:20.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!