Strage di Erba, il processo: Azouz urla l’innocenza di Olindo e Rosa

Il sipario si alza nuovamente sul caso della strage di Erba. Durante il processo per calunnia, Azouz si alza in difesa di Rosa e Olindo. Scopriamo le sue parole.

Il nome di Azouz Marzouk torna a far capolino sugli articoli di cronaca. Lo scenario è sempre quello della strage di Erba. Il tunisino infatti sembrerebbe aver fatto parlare nuovamente di sé in seguito al recente processo per calunnia. Dopo tutte le vicende che ruotano attorno alla strage, questa presenta ancora ampie zone d’ombra. Che possa essere proprio Azouz a chiarire tutti i punti interrogativi? Scopriamo insieme le parole dell’uomo all’ultimo processo.

Leggi anche->Azouz Marzouk indagato per strage di Erba: “Calunnie su Olindo e Rosa”

È un’accusa di calunnia quella ad essere stata mossa nei confronti di Azouz Marzouk, marito di Raffaella Castagna e padre del piccolo Youssef. Egli avrebbe infatti, secondo l’Accusa, incolpato ingiustamente i coniugi Rosa e Olindo pur sapendoli innocenti e incarcerati per sbaglio. È proprio questo che l’uomo urla infatti all processo. I Romano sono innocenti. L’uomo si trova dunque costretto a chiarire la sua posizione per evitare l’incarcerazione. Sono necessarie delle prove a sostegno della sua tesi.

Leggi anche->Strage di Erba, Azouz Marzouk vuole l’eredità di Raffaella: “Datemi i soldi che mi spettano”

Strage di Erba: Le parole di Azouz Marzouk

La ricerca della verità continua. Tutto verte adesso intorno alla figura di Azouz Marzouk. Egli potrebbe essere l’elemento chiave per chiudere definitivamente il caso della strage di Erba. L’uomo si è lasciato intervistare da Libero Quotidiano. Scopriamo insieme le sue parole. “Dopo aver studiato veramente gli atti processuali, posso dire che prima o poi potrò regalare la verità alle vittime.” afferma l’uomo. Questo sembrerebbe infatti aver chiesto di raccogliere 17 prove, a suo parere legate ai dubbi che sono illustrati nell’atto. Ci sono inoltre diversi elementi a non convincere Azouz: si tratta delle confessioni, del DNA, e del riconoscimento del sopravvissuto Mario Frigerio. L’intervistato non ha poi potuto aggiungere altro in merito. Sarà tutto chiarito durante lo svolgimento del processo.

Leggi anche->Strage di Erba news, disposti nuovi accertamenti su intercettazioni ed un cellulare

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI