Lady Diana, nuove rivelazioni sulla morte: “Poteva essere ancora viva”

Lady Diana poteva essere salvata: ecco una delle tante rivelazioni del medico, Richard Sheperd, patologo di fama mondiale

lady diana reincarnazione
(Georges Biard, CC-BY-SA-3.0)

Nuove rivelazioni davvero importanti che riguardano da vicino la scomparsa di Lady Diana. Il medico, Richard Sheperd, patologo di fama mondiale, ha svelato in un’intervista al settimanale Oggi vari dettagli: “La Principessa è deceduta perché non si sono accorti della sua ferita”. Poi ha aggiunto dichiarazioni sulle teorie sulla morte di Diana: “Tutti i più famosi avvenimenti di morte sono circondati da simili teorie di complotto, anche se in netto contrasto con la documentazione”.

LEGGI ANCHE >>> Lady Diana, la rivelazione: Carlo lo faceva con Camilla mentre lei dormiva

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lady Diana, le novità sulla morte

Lo stesso medico ha, poi, svelato perché ci sono state diverse teorie sul complotto della morte: “Bisogna fare nuove ricerche. Chiedere informazioni più approfondite: nel sangue dell’autista c’era una incredibile quantità di monossido di carbonio. Questa prova ha creato nuovi misteri”. Tutto è partito da una ferita visto che i soccorritori non l’avevano riconosciuta inizialmente: “Nessuno poteva sapere che Diana avesse un piccolissimo strappo, nascosto ma molto profondo nella vena polmonare”. Proprio per questo motivo il bodyguard è stato trasportato in ospedale prima di lei: “Deve aver sofferto terribilmente per 45 minuti ancora cosciente”. Se fosse stata portata prima in ospedale, tutto sarebbe stato diverso.

Lady Diana william