Il Gladiatore, la storia di Joaquin Phoenix: dal dramma al successo

Joaquin Phoenix è uno degli attori più brillanti della sua generazione, sotto i riflettori nell’ultimo periodo per il suo Joker. Approfondiamo la sua vita.

Joaquin Phoenix è uno degli interpreti che più si è distinto nella nuova Hollywood. Pupillo di grandi registi, come P.T. Anderson (Vizio di forma, The master), Ridley Scott (Il gladiatore), Woody Allen (Irrational Man) e Spike Jonze (Her), è da diversi mesi sotto i riflettori per l’esplosiva performance nel Joker di Todd Phillips, dove con la sua interpretazione riesce a mantenere le redini dell’intera pellicola. Poche volte si è però raccontata la vita privata del giovane attore, che per alcuni versanti potrebbe essere ritenuta tragica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#tbt 🪑 🕯 #repost @georgeholzofficial ・・・ Joaquin Phoenix, Bell Cafe, New York circa 1996 #joaquinphoenix #joker #jokermovie #premieremagazine #nyc #holzhollywood30yearsofportraits

Un post condiviso da Joaquin Phoenix (@joaquinlphoenix) in data:

Joaquin Phoenix, la tragica vita privata

Incredibile attore, Joaquin non era l’unico della sua famiglia a condividere la passione per il cinema e la recitazione. Il fratello maggiore, River Phoenix, si era distinto sin dalla più giovane età come una stella innata del grande e piccolo schermo. Era stato uno dei protagonisti della perla di Rob Reiner Stand by me, dove aveva regalato una perfomance incredibile e aveva riconfermato le voci a suo riguardo. Dotato di un’innata naturalezza e vulnerabilità emotiva di fronte alla cinepresa, passò in seguito a interpretare ruoli più complessi e “adulti” in film come Belli e dannati, per il quale vinse la Coppa Volpi come migliore attore. Sventura volle che a soli ventitré anni, nel 1993, dopo un periodo da tossicodipendente, fu trovato dal fratello Joaquin in una stanza d’hotel, morto a causa di un overdose.

Joaquin Phoenix, l’alcolismo e la riabilitazione

L’episodio segnò profondamente la famiglia e Joaquin, portando quest’ultimo in un vortice di disperazione che sfociò nell’alcolismo. Nell’aprile del 2005, Phoenix si fece ricoverare presso una clinica di riabilitazione. Grazie al conseguente successo dato dalla sobrietà e da una nuova filosofia di vita, Phoenix decise di dedicarsi all’attivismo, progetto caro anche al fratello defunto, e di combattere ogni giorno per cause ambientaliste e sociali. Il talento e la fortuna lo porteranno ad interpretare personaggi sempre più straordinari e regalare al pubblico grandi performance, facendo crescere, giorno dopo giorno, i suoi fan.