Simone Inzaghi, chi è: vita privata, amori, successi e carriera dell’allenatore della Lazio

Simone Inzaghi, chi è: vita privata, amori, successi e carriera dell’allenatore della Lazio ex attaccante cresciuto nel Piacenza insieme al fratello di Pippo. 

Simone Inzaghi nasce nel 1976 a Piacenza, più precisamente nel piccolo paesino di San Nicolò. Particolarmente legato alla sua famiglia, Simone passa felicemente la sua infanzia e l’adolescenza al fianco di mamma Marina, papà Giancarlo e il fratello Pippo. La passione per il gioco del pallone lo travolge sin dalla più tenera età, portandolo ad entrare nel 1992 nelle giovanili della sua città, il Piacenza. Dopo cinque anni di duri allenamenti, dove il giovane piacentino mette a dura prova il suo enorme talento, entra da professionista al Piacenza. Dopo una lunga carriera da calciatore, Simone decide di attaccare gli scarponcini al chiodo e nel 2010 inizia ad allenare le giovanili della Lazio. Nel 2016 prenderà le redini della prima squadra e tra il 2017 e il 2019 porterà a casa una Supercoppa italiana e una Coppa Italia.

Simone Inzaghi, vita privata e figli

Simone è stato sempre vittima di diversi gossip, causa anche le sue turbolente relazioni amorose. La storia più nota fu quella con la showgirl Alessia Marcuzzi, una relazione longeva e passionale che durò ben otto anni, dal 1998 al 2006. Dalla loro storia d’amore nacque il loro primogenito, Tommaso Inzaghi. Nel 2018, in seguito alla separazione con la Marcuzzi, Simone convola a nozze con Gaia Lucariello, il matrimonio sarà tenuto nella magnifica Montalcino. I due si sarebbero conosciuti nel 2010, durante una cena tra amici, il colpo di fulmine fu inevitabile. Dal loro amore nasce Lorenzo Inzaghi, secondogenito dell’allenatore. L’ex coppia Inzaghi-Marcuzzi, seppur risenta di una separazione dolorosa, è riuscita a sopravvivere e prosperare, portando il duo a fare vacanze insieme e a partecipare attivamente l’uno nella vita dell’altra. Simone ama definire il loro rapporto come quello di una grande “famiglia allargata”.