Morta la star di Netflix Hana Kimura: aveva solo 22 anni

Giovane stella del wrestling giapponese e protagonista di una serie Netflix, la giovanissima Hana Kimura è morta a soli 22 anni.

I timori dei fan sulla morte di Hana Kimura sono stati confermati questa mattina dalla federazione giapponese di Wrestling Stardom. In un comunicato apparso questa mattina la federazione ha confermato le voci che giravano da tempo ed ha chiesto a tutti di mostrare rispetto in un momento così drammatico: “Siate rispettosi e lasciate che passi qualche giorno per processare il tutto”. Al momento non si conoscono le cause del decesso, dunque non è stato confermato se si sia trattato davvero di un suicidio.

Leggi anche ->Morto Gregory Tyree Boyce: lutto nel cinema per la star di Twilight

L’ipotesi del suicidio si è diffusa sul web nei giorni scorsi dopo che la stessa wrestler aveva pubblicato un video raffigurante una auto mutilazione e sotto aveva scritto un messaggio abbastanza preoccupante: “Quasi 100 opinioni franche ogni giorno. Non potevo negare di star male. Sono morta. Grazie per avermi dato una madre. Era una vita che volevo essere amata. Grazie a tutti quelli che mi hanno supportato. Vi adoro. Sono debole, mi dispiace. Non voglio più essere un umano. Era una vita che volevo essere amata. Grazie a tutti, vi amo. Ciao”.

Leggi anche ->Roma: ragazzina di 13 anni si suicida, forse perché vittima di cyberbullismo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Hana Kimura si è suicidata?

Figlia d’arte di Kyoto Kimura, Hana era da diversi anni uno dei volti più popolari del wrestling giapponese. Lo scorso anno era stata scelta per la serie ‘Terrace House: Tokyo 2019-2020‘, prodotta e pubblicata su Netflix. Questo le aveva permesso di ampliare la sua fan base in tutto il mondo. Ciò nonostante da tempo lamentava di essere vittima di cyberbullismo. Come si evince dal messaggio di qualche giorno fa, il suo profilo era continuamente preso di mira da hater che la criticavano e la insultavano. Hana soffriva molto per il trattamento che le veniva riservato, motivo per cui si ritiene che la ragazza possa aver deciso di togliersi la vita.