Schiavonia | parla il primo paziente dimesso dal Covid Hospital

Le parole del primo paziente che è riuscito a battere il virus allo Schiavonia Covid Hospital. “Ho vissuto come in un lungo sonno”.

Schiavonia Covid Hospital
Primo paziente guarito Schiavonia Covid Hospital Foto dal web

Finalmente torna a sorridere il paziente di Schiavonia, in provincia di Padova, che ha vissuto per 18 giorni in terapia intensiva nell’ospedale della località veneta in provincia di Padova.

LEGGI ANCHE –> Mamma malata terminale dice addio per sempre alle sue figlie: “Non voglio che soffrano”

Lui è graziano Ruzza ed alla Usl 6 Euganea di Padova che lo ha intervistato racconta quanto di terribile ha vissuto. “Questo virus non ti permette più di fare programmi per il futuro. Ti toglie ogni certezza. Ora non dobbiamo fare l’errore di sottovalutarlo o di pensare di averlo battuto. Continuerà a restare nelle nostre vita per chissà quanto”. Graziano, idraulico di 53 anni, è il primo paziente ad avere sconfitto la malattia dopo avere ricevuto assistenza al Covid Hospital di Schiavonia. “Indossare il casco è stata la cosa più atroce di tutte. Il mio passaggio nel reparto di rianimazione è durato 15′. Ma una volta lì ho ripensato all’intera mia vita vissuta fino ad oggi”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Test sierologici, Conte annuncia: “150 mila gratuiti dal 25 maggio”

Schiavonia, Graziano è il primo del locale ‘Covid Hospital’ ad avercela fatta

Il signor Graziano dice di avere ricevuto il massimo supporto possibile da parte dei medici. “Mi hanno detto che avrei cominciato un lungo sogno. Poi al mio risveglio mi hanno dato conforto. Mi hanno detto che, da baco di seta, ero diventato una farfalla”. Poi Graziano ha ricevuto molti attestati di affetto, con numerosi biglietti che le persone che gli hanno fatto visita hanno lasciato. Ed appositamente per quando si sarebbe risvegliato. Il personale medico gli ha tributato anche un accorato applauso una volta uscito. Un momento molto significativo e che deve fare da incoraggiamento per il resto d’Italia e del mondo.

LEGGI ANCHE –> Vaccino Oxford, accordo per un miliardo di dosi entro il 2021