Coronavirus, il “giallo” dei dati spariti: allarme dal ministero della Salute

Il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, avverte che “i dati devono essere trasmessi con più accuratezza”: ecco cos’è successo a Milano con le “mappe” sul Coronavirus. 

“Voglio capire meglio questa situazione e voglio sperare che sia legata a un aggiornamento perché sui dati vi è stata sempre confusione e non solo in Lombardia, in generale in Italia”. Con queste parole il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ha commentato la notizia pubblicata da Il Fatto Quotidiano secondo cui l’azienda sanitaria milanese avrebbe eliminato dal sito web il grafico che mostrava i casi confermati e sintomatici di Coronavirus. Un “giallo” che nelle scorse ore, per ovvie ragioni, ha fatto molto discutere.

Leggi anche –> Coronavirus Italia: dati aggiornati live contagio Regioni 21 maggio

Leggi anche –> Coronavirus evolve e muta in Cina, gli esperti temono una seconda ondata

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le mappe “scomode” sui contagi da Coronavirus

“I dati devono essere trasmessi con più accuratezza proprio oggi che abbiamo meno malati dei mesi scorsi, proprio perché ci sono meno casi ora” ha sostenuto il viceministro della Salute. E questo perché il rischio di un ritorno di un numero importante di nuovi contagi è sempre in agguato. Il Coronavirus “è ancora presente in tutta Italia”, sottolinea Pierpaolo Sileri, che a proposito dei tamponi osserva: “E’ giusto farne in maniera adeguata ma anche scegliendo i soggetti a cui farli ai fini del tracciamento”.

Leggi anche –> Coronavirus Scuola, la ministra Azzolina: “Ritorno in classe in sicurezza”

EDS