Home News Gabriele Andriulli, chi è: la carriera, dall’incidente a Tu si que vales

Gabriele Andriulli, chi è: la carriera, dall’incidente a Tu si que vales

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:45
CONDIVIDI

Il bodybuilder in carrozzina Gabriele Andriulli, chi è: la carriera, dall’incidente a Tu si que vales, una storia di rivincita dopo il dramma.

(screenshot video)

La vita del bodybuilder Gabriele Andriulli, atleta IFBB Pro Wheelchair, è stata segnata da un drammatico incidente che gli ha cambiato la vita. Era il 20 dicembre 2011 quando stava tornando in auto a casa da una riunione di lavoro.

Leggi anche –> Tu si que vales, chi è Raimondo Laino: curiosità sull’ipnotista

Un colpo di sonno gli ha fatto perdere il controllo del mezzo: s è risvegliato dopo Natale in ospedale. La sua vita era cambiata, aveva perso l’uso delle gambe e da quel momento è costretto a muoversi su una sedia a rotelle.

Leggi anche –> Tu si que vales, Chiara Censori: chi è, carriera e curiosità

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La vita di Gabriele Andriulli dopo il grave incidente

Il giovane non si è perso d’animo e come accade tante volte in questi casi ha fatto del suo handicap un valore positivo: oggi è così l’unico culturista italiano in carrozzina e il secondo uomo più forte al mondo nella sua categoria. Ha proseguito nella sua passione e ha anche emozionato il pubblico televisivo con la sua storia. La partecipazione del bodybuilder a Tu si que vales ha infatti commosso ed entusiasmato pubblico e giudici.

Durante la trasmissione, Gabriele Andriulli, la cui storia è una storia di rivincita, ha raccontato ai giudici: “L’espressione ‘diversamente abile’ non mi piace, anche se politicamente corretta. Io non sono abile a fare tutto come prima, mi piace dire che sono normalmente diverso. Oggi vivo sulle colline del Chianti insieme al mio gatto. Ciò che conta è che tutto ciò che succede nella vita vada abbracciato, dobbiamo accogliere il dolore perché, è brutto da dire, ma ci avvicina alla consapevolezza dell’essere”.