Home News Maestro delle elementari trovato morto, era uscito a fare un’escursione

Maestro delle elementari trovato morto, era uscito a fare un’escursione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00
CONDIVIDI

Giovanni Amistadi, maestro delle elementari di Roncone, è deceduto a causa di un’incidente durante un escursione: è precipitato per 150 metri in un canale.

Ieri mattina il maestro delle elementari Giovanni Amistadi, 56enne di Roncone, è uscito di casa per fare un’escursione nei pressi di malga Giuggia, in Trentino. Amante dei sentieri montani, l’insegnante era solito allontanarsi da casa per fare delle lunghe passeggiate, ma non tardava mai troppo, tornando a casa per il pasto, e se lo faceva avvertiva la moglie. Questa domenica, però, Giovanni non ha fatto ritorno a casa e non ha avvisato. La compagna si è preoccupata ed ha cominciato a chiamarlo, senza ricevere risposta.

Leggi anche ->Tragica morte per allenatore di SeaWorld, balena killer gli strappa gli organi

La donna ha capito che qualcosa non andava ed ha denunciato la scomparsa del marito ai Carabinieri. Informati dalla donna sul fatto che l’uomo era andato a fare un’escursione, gli uomini del soccorso alpino hanno concentrato le ricerche attorno alla malga. Qui, infatti, avevano trovato parcheggiata l’auto del maestro.

Leggi anche ->Biella, bimbo si perde in montagna: lieto fine grazie ai Carabinieri

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Maestro trovato morto in fondo ad un canale

I soccorritori hanno scorto il corpo dell’uomo percorrendo il sentiero della malga: si trovava all’interno di un canalone sito 150 metri sotto lo stesso. Quando lo hanno raggiunto, però, non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Al momento la dinamica dell’incidente non è stata ancora confermata, ma è probabile che l’uomo sia scivolato all’interno del canalone e che la caduta ne abbia causato la morte.

Successivamente al ritrovamento, gli uomini del soccorso alpino hanno caricato il corpo su un lettino e lo hanno calato per 250 metri fino alla strada sottostante grazie all’ausilio di una fune. La salma è stata poi portata alla camera mortuaria dell’ospedale di Tione.