Home News Tina Montinaro, moglie del caposcorta di Giovanni Falcone

Tina Montinaro, moglie del caposcorta di Giovanni Falcone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:51
CONDIVIDI

Conosciamo meglio la storia di Tina Montinaro: ecco tutte le curiosità sulla vita privata della moglie del caposcorta di Giovanni Falcone

Tina Montinaro

Tina Montinaro è la vedova di Antonio Montinaro, caposcorta scomparso durante l’agguato a Giovanni Falcone, sorpreso durante l’attentato del 23 maggio 1992 nei pressi di Capaci, Palermo. Nel corso degli anni la donna si è fatta forza diventando una delle promotrici dell’associazione vittime di mafia. Gira spesso per l’Italia per far capire a tutti, soprattutto ai più giovani, il  sacrificio di suo marito e della necessità della lotta alla mafia. Un dolore immenso, ma la donna ha dimostrato sempre di essere forte non perdendosi mai d’animo facendo così conoscere la storia di suo marito alle nuove generazioni.

LEGGI ANCHE >>> Falcone e Borsellino, i due giudici crocifissi in una opera di street art – FOTO

 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tina Montinaro, le curiosità della moglie del caposcorta

In un’intervista durante il programma “Le Ragazze” di Gloria Guida ha svelato: “Sono nata a Napoli. Ho perso mamma che ero molto piccola. Quando mamma muore aveva 20 anni, poi mio padre si sposa e ha un’altra famiglia”. Poi ha raccontato anche il suo passato quando lavorava sulla Tirrenia: “All’epoca eravamo solo due donne a bordo, facevo la cameriera sulla nave. Una nuova vita per me. Una mia amica doveva uscire con un ragazzo e l’ho accompagnata. Da lontano questo ragazzo mi saluta, ma non so chi sia”. Antonio poi le disse: “Tu non devi uscire con questi carabinieri, ma devi uscire con me: è rimasto folgorato, non ti dava possibilità di scelta”. Infine, ha rivelato: “Antonio non ha mai raccontato a casa della sua vita lavorativa, il dottor Falcone va sicuramente protetto e scortato. Non si sapeva se ero la moglie o l’amante, dovevo gestire mio marito con il dottor Falcone, ce lo dividevamo”.

Tina Montinaro