Fratelli Mautone: quattro infermieri contro il Coronavirus

Quattro infermieri contro il Coronavirus, chi sono i fratelli Mautone: Raffaele, Valerio, Maria e Stefania sono anche figli d’arte.

(Facebook)

La loro storia, dopo aver riempito le pagine dei social e della cronaca locale, finisce in tv: loro sono i fratelli Mautone e sono ospiti della puntata di ‘A sua immagine’ del 16 maggio. Si chiamano Raffaele, Valerio, Maria e Stefania, hanno molto in comune.

Leggi anche –> Maturità Coronavirus, Azzolina: “In classe senza mascherina” – VIDEO

Non soltanto infatti sono quattro fratelli originari di Napoli, ma tutti e quattro fanno lo stesso mestiere, ovvero sono degli infermieri professionali. Un’eredità raccolta dal padre che per quarant’anni ha fatto quella professione.

Leggi anche –> Sciopero Agenzia Ansa contro le scelte di rilancio post Coronavirus

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I fratelli Mautone contro il Coronavirus: chi sono

(TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Raffaele, il maggiore, è specializzato in Emodinamica, ha 46 anni e lavora al cardiocentro di Lugano. Valerio e Maria, che di anni ne hanno 43 e 36, invece lavorano a Como. La terzogenita, Stefania, ha 38 anni ed è rimasta a Napoli. Valerio, che lavora al reparto di Neurochirurgia del Sant’Anna di Como, ha scelto di trasferirsi in questo periodo nel nuovo reparto di rianimazione messo in piedi proprio per l’emergenza Coronavirus.

Racconta in un’intervista: “Ho scelto di mettere a rischio la mia vita, come un gesto d’amore, per salvare altre vite”. Suo fratello Raffaele spiega invece: “Sono fiero di noi, di quello che facciamo e di ciò che siamo diventati. Abbiamo sempre lottato e continueremo a farlo. Anche stavolta in prima linea, con le nostre mani nude a somministrare umanità”. Questo virus li ha messi in difficoltà, spiega Maria, la più piccola: “Ho visto l’inferno con i miei occhi”, dice raccontando dei morti in corsia. Infine Stefania sottolinea come questo virus non abbia comunque una cura totalmente efficace: “Ritrovare l’umanità è l’unica cura. Raccogliamo abiti per i pazienti perché i parenti non possono entrare, facciamo le videochiamate”.