Donna assassinata dalla rivale in amore, omicidio pianificato per 18 mesi

Sadie Hartley è stata assassinata da quella che si riteneva una sua rivale in amore, in un elaborato piano di 18 mesi per il suo omicidio.

Sadie Hartley era una madre amata, un’amica e una donna di successo quando è stata pugnalata a morte da una rivale in amore nella sua stessa casa. Sarah Williams era ossessionata dal marito di Sadie, Ian Johnston, con il quale aveva avuto una breve storia, e ha reclutato la sua amica Katrina Walsh per eseguire ‘l’omicidio perfetto‘.

Leggi anche -> Roberto Obert, chi è la figura cardine dell’omicidio Rosboch

Per 18 mesi Williams ha pianificato come avrebbe ucciso Sadie Hartley, aveva organizzato tutto nei minimi dettagli ma a causa di un’imperfezione trascorrerà il resto della sua vita dietro le sbarre. Sadie è stata pugnalata brutalmente a morte nell’entrata della sua abitazione, dopo aver passato la giornata facendo equitazione. L’investigazione è stata molto lunga e intensa, ma ha portato i risultati. Sadie era a casa da sola quando la coppia di donne ha eseguito il piano. Hanno suonato il campanello e poi è stata colpita con un taser. Williams l’ha pugnalata 41 volte.

Leggi anche -> Omicidio a Brescia, marito uccide la moglie davanti ai tre figli piccoli

L’omicidio efferato commesso da due donne

Williams, di 35 anni, pensava che, senza Sadie, avrebbe potuto riconquistare il suo ex-amante Ian. L’uomo aveva interrotto la relazione perché lei era possessiva ed era andato avanti con Sadie, di 60 anni. Walsh e Williams hanno fatto un lavoro da maestre nel coprire le loro tracce nascondendo il taser e il coltello in una fattoria nei paraggi e pulendo alla perfezione le loro case ma, ciò che ha portato la Corte a sentenziarle è stato un diario in casa di Katrina Walsh contenente tutti i piani che avevano fatto per commettere l’omicidio. Nonostante le sentenze prolungate, per la famiglia di Sadie Hartley niente sarà più lo stesso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!