Scienziata scomparsa | lavorava a Wuhan | ombre inquietanti | FOTO

Non si sa che fine abbia fatto una scienziata scomparsa dopo avere condotto degli studi sul Coronavirus proprio a Wuhan. Si teme il peggio.

scienziata scomparsa
Mistero su una scienziata scomparsa dal famigerato laboratorio di Wuhan

Non si sa che fine abbia fatto Shi Zhengli, una scienziata sparita nel nulla in Cina e che lavorava nel laboratorio di Wuhan messo sotto accusa dagli Stati Uniti negli ultimi giorni. L’amministrazione Trump aveva accusato la Cina di avere creato artificialmente il Covid-19 proprio in quei locali, affermando di avere delle prove a sostegno di ciò.

LEGGI ANCHE –> Cosa succede se non si trova il vaccino per il Coronavirus: ecco il piano B

Pur non mostrando nulla e nonostante il parere della comunità scientifica mondiale che afferma invece come il virus sia di derivazione totalmente naturale. Ad ogni modo, ora la vicenda che riguarda Shi Zhengli fa discutere. E per molti appare difficile pensare ad una coincidenza. Lei ha 55 anni ed è la direttrice del centro di nuove Malattie Infettive. Tra aprile e maggio però la donna ha fatto perdere le proprie tracce. In passato aveva diretto la equipe di ricercatori che avevano scoperto la provenienza dai pipistrelli della Sars e di altre malattie simili. Scoprendo anche in che modo il salto di specie del virus avviene, fino ad infettare l’uomo. L’incarico della scienziata scomparsa era proprio quello di compiere degli studi sulla epidemia di Coronavirus in corso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Covid, un mese in ospedale: “A mia moglie e a mio figlio niente tampone”

Scienziata scomparsa, alcuni ritengono che centri il governo cinese

In diversi pensano che alla fine lei sia diventata una figura scomoda e che sia stata messa a tacere dal’autorità centrale di Pechino. C’è anche chi ritiene che Shi Zhengli abbia scelto di scappare dalla Cina per rifugiarsi in Europa – probabilmente in Francia – portando con se dei documenti scottanti sugli studi compiuti. Ma sulla collega si è espressa la dottoressa Jonna Mazet, che ha lavorato per molto tempo con lei proprio a Wuhan. “L’ho sentita di recente, è certa che il virus sia di origine naturale perché le tracce ed i campioni in nostro possesso non mostrano corrispondenza con il Covid in libera circolazione nel mondo”, afferma la dottoressa Mazet in una intervista di 7 giorni fa. Lei ora lavora per l’Università della California. “Il Coronavirus è una malattia zoonotica alla quale l’uomo si è esposto dove avere invaso l’habitat selvatico di specie portatrici di malattie”.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Cina | a Wuhan controlli per tutti i suoi 11 milioni di abitanti