Cosa succede se non si trova il vaccino per il Coronavirus: ecco il piano B

Ottenere un vaccino efficace contro il Coronavirus non sarà impresa facile, per questo la comunità scientifica sta portando avanti un piano B.

L’attenzione mediatica in questi mesi è stata concentrata sulle ricerche finalizzate a trovare un vaccino per il Covid-19. Università, aziende farmacologiche, scienziati e governi sono concentrati su quello che porterebbe all’annullamento della minaccia pandemia, ma la realtà è che le possibilità di avere un vaccino in tempi brevi sono basse. Allo stato attuale ci sono 101 studi aperti per la ricerca di un vaccino efficace. Le equipe stanno procedendo con varie tecniche che comportano tempistiche differenti nelle varie fasi.

Leggi anche ->Testato in Italia il primo vaccino che uccide il Coronavirus in cellule umane

In queste settimane si è parlato della possibilità di giungere ad un vaccino efficace entro il 2021. Ipotesi che però appare abbastanza ottimistica considerando il fatto che generalmente per svilupparne uno ci vogliono dai 5 ai 10 anni. Questo perché un vaccino deve funzionare all’interno di un organismo complesso ed è dunque complicato dire con certezza come reagirà nei vari soggetti.

Leggi anche ->Vaccino Coronavirus | azienda italiana annuncia | “Il nostro prototipo funziona”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, niente vaccino? Ecco qual è il piano B

Gli esperti più cauti informano della possibilità che il vaccino possa anche non essere trovato. L’esempio più noto è quello dell’Hiv, per il quale ancora oggi non esiste una panacea che lo elimini dall’organismo. Tuttavia proprio dall’esempio dell’Hiv arriva anche una buona notizia. Oggi, infatti, grazie agli antivirali chi si ammala di Aids non è più in condannato a morte, ma può convivere con il virus.

Non a caso la ricerca medica in questi mesi si è mossa pure per la ricerca di una cura. Al momento il Redemsivir (farmaco per l’ebola) ha dato buoni risultati, così come la terapia al plasma. Sembra funzionare, ma con effetti collaterali sul ritmo cardiaco, anche l’idrossiclorichina. Mentre la clorichina si è mostrata efficace solo sulle fasi iniziali della malattia. Al momento sono 273 le terapie al vaglio, da una di queste potrebbe uscire una cura.

vaccino Coronavirus