Home News Gli ultras del Toro contro la ripresa della Serie A: “Il vero...

Gli ultras del Toro contro la ripresa della Serie A: “Il vero virus è chi gioca”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:56
CONDIVIDI

A Torino i tifosi granata contrari alla ripresa del campionato hanno esibito uno striscione di protesta che sta facendo molto discutere.

“Migliaia di morti in ogni città, ma voi pensate alla ripresa della Serie A”: così recita uno striscione della tifoseria organizzata del Toro comparso oggi allo stadio Filadelfia. La scritta campeggia all’ingresso principale del quartier generale granata, quello proprio su via Filadelfia. “Il vero virus da debellare siete voi che volete tornare a giocare”, si legge invece su un altro striscione. Insomma, gli ultras si schierano senza se e senza ma contro la ripresa del campionato.

Leggi anche –> Fase 2 | Ranieri Guerra | “Riprendere con il calcio? Troppo rischioso”

Leggi anche –> Emergenza Coronavirus: il Paese dove il calcio non si è fermato

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La lezione dei tifosi del Toro

Gli ultras del Torino hanno deciso di dire la loro a proposito della possibile ripartenza del campionato all’ingresso dello stadio dove da venerdì scorso i giocatori granata si allenano individualmente in vista della ripresa.

Già nei giorni scorsi, d’altro canto, da più parti d’Italia si era levata la voce di numerosi gruppi ultras contrari alla ripartenza del campionato in un momento tanto drammatico per il paese. Fra i primi a schierarsi “contro” le tifoserie organizzate di Atalanta e Brescia, seguite subito dopo anche da Napoli e Spal, Genoa, Roma e Lecce. Gli ultras granata hanno deciso di prendere posizione proprio nelle ore cruciali in cui si scoprirà quale sarà il futuro del campionato italiano.

Ciò detto, in questa fase la situazione del mondo ultras è sotto attento esame anche da parte del Viminale: secondo un report stilato dall’Organismo di monitoraggio delle infiltrazioni criminali nell’ambito dell’emergenza Coronavirus, infatti, ci sarebbero “evidenze investigative” che attesterebbero “lo studio, da parte di alcune tifoserie, di iniziative di contestazione, anche di piazza, nel caso di prosieguo del blocco dei campionati”.

EDS