Test sierologici | via su 150mila persone | come si svolgeranno

Tutto pronto per i primi test sierologici in tutta Italia. Le modalità con le quali avrà luogo il procedimento. Si parte a breve.

test sierologici
Via ai primi 150mila test sierologici gratuiti FOTO Getty Images

Partono i test sierologici in tutta Italia, con l’inizio dei lavori che riguarderanno 150mila telefonate. Le chiamate verranno inoltrate da un apposito call center, dopo l’ottenuta approvazione del decreto legge inerente la rilevazione di soggetti appositamente selezionate.

LEGGI ANCHE –> Rientro a scuola dopo il Coronavirus: ecco le tre opzioni

Tale call center risponderà direttamente alla Croce Rossa Italiana e da quanto si apprende diventerà operativo già nel breve periodo. Quindi dovrebbe trattarsi di una questione di pochi giorni prima che possano avvenire i primi prelievi di sangue. Ogni regione avrà anche degli appositi laboratori già designati dove far svolgere i test sierologici. Per gli individui con problematiche particolari o con una situazione di salute più delicata, tali test avverranno direttamente a casa. Decisiva per lo sblocco dell’apposito dl è risultata essere una modifica proveniente direttamente dal Garante per la Privacy su input di Roberto Speranza, ministro della Salute.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Fedez Codacons | scontro e denunce per una campagna fondi

Test sierologici, i primi 150mila saranno gratuiti

Le 150mila persone che faranno parte del campione selezionato dall’Istat per i test in questione saranno divise in fasce di età. Queste quelle previste

  • 0-17 anni
  • 18-34 anni
  • 35-49 anni
  • 50-59 anni
  • 60-69 anni
  • 70 anni a salire

Già esistono almeno altre tre tipologie di test in questione, reperibili in commercio. Ma gli esperti fanno sapere che non sono tutti quanti affidabili e hanno anche dei costi differenti. Alcune regioni se ne sono dotate per sottoporli a specifiche categorie di lavoratori. Invece per quanto riguarda i famosi 150mila, il commissario straordinario per la gestione della crisi sanitaria, Domenico Arcuri, fa sapere che “sono del tutto gratuiti”. I successivi però, forniti dalla azienda statunitense Abbott, saranno a pagamento.

LEGGI ANCHE –> Festino vietato | adolescente alcolizzata in ospedale | la polizia fa irruzione