Home News Live non è la D’Urso, Paolo Liguori: “La Cina ha nascosto il...

Live non è la D’Urso, Paolo Liguori: “La Cina ha nascosto il virus per 2 mesi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:12
CONDIVIDI

Ospite di ‘Live non è la D’Urso’, Paolo Liguori conferma di avere indizi sulla creazione del virus in laboratorio e accusa la Cina di averlo nascosto.

Nella puntata di ieri di ‘Live non è la D’Urso‘ si è parlato della possibilità che il virus Covid-19 sia stato creato in un laboratorio di Wuhan. Per discuterne sono stati invitati Paolo Liguori, direttore di ‘Tgcom 24‘, e il professore Francesco Broccolo. Il giornalista ha difeso le sue dichiarazioni di gennaio riguardanti la possibilità che il Covid-19 fosse sfuggito da un laboratorio: “Dico quello che so, perché il mio mestiere è quello di dare informazioni: io ho questa informazione sul laboratorio di Wuhan, mentre tutti parlano del mercato. Si sarebbe trattato di un incidente, questa è la mia convinzione”.

Leggi anche ->Coronavirus origine | studio ribadisce | “Non è artificiale | c’era già a metà ‘900”

Liguori, in seguito, ribadisce che si sarebbe trattato di un incidente, ma aggiunge che tale informazione in Cina la conoscevano addirittura alla fine di novembre. A suo avviso, dunque, il grosso errore del governo asiatico è stato quello di nascondere a tutti per due mesi l’esistenza e la pericolosità del virus e quindi la sua provenienza tutt’ora: “La cosa grave è che per più di 2 mesi i cinesi hanno nascosto l’incidente che risalirebbe ai primi di novembre”.

Leggi anche ->Zaia, opinione sul Coronavirus: “Perde forza? Allora è artificiale”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il professore risponde a Paolo Liguori: “E’ stato dimostrato che non ci sono modifiche artificiali”

Come prima cosa il professor Broccolo spiega che la scienza non può basarsi su supposizioni o indizi, bensì sulle prove. Quindi spiega che le prove indicano che il virus non è stato modificato geneticamente in un laboratorio: “Le prove quali sono… Sono che il virus non è stato geneticamente modificato, questa è una prova. Pubblicazione del 17 marzo su ‘Nature’. Devo aggiungere, però, che il fatto che non sia stato modificato non è una prova definitiva che non possa essere stato coltivato, forzato su linee cellulari umane da isolati di virus di pipistrello”.

Lo studioso spiega inoltre che in altre pubblicazioni si dimostra che l’evoluzione del virus è stata naturale. Ciò nonostante non esclude al 100% la possibilità che tale evoluzione possa essere stata “forzata” su linee cellulari. Ciò ovviamente non significa che la forzatura su linea cellulare ci sia stata, ma che non si può escludere la possibilità con assoluta certezza.