Home News Vite al limite, chi è Teretha: come è diventata oggi

Vite al limite, chi è Teretha: come è diventata oggi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:18
CONDIVIDI

La chirurgia ha consentito a Teretha di tornare dalla sua famiglia a Detroit, ma in tal modo rischia di vanificare tutti i suoi progressi. Ecco tutto quel che c’è da sapere sulla protagonista di Vite al limite

Quella di Teretha Hollis-Neely è la storia di una rinascita resa possibile anche (e soprattutto) grazie a Vite al limite. La protagonista del programma rischia però di vanificare i progressi che hanno segnato la sua lenta riconquista di a una relativa normalità, dopo la decisione di tornare dalla sua famiglia a Detroit. Ripercorriamo insieme al sua vicenda.

Leggi anche –> Vite al limite, chi sono John e Lonnie: come sono oggi i due fratelli

Leggi anche –> Vite al limite, chi è Travis Henry: come è diventato oggi

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Teretha di Vite al limite

L’avventura di Teretha Hollis-Neely a Vite al limite è cominciata il 4 luglio 2016 su Real Time (canale 31 del digitale terrestre): quel giorno è andata in onda in prima tv la decima puntata della stagione 4 del programma con lei come protagonista. Il dottor Nowsaradan si è trovato di fronte al caso di una donna con uno dei pesi di partenza più alti di sempre, e ormai condannata a rimanere a letto. Ma grazie alle sue sagge cure alla fine è tornata a camminare, seppure a fatica.

Teretha, la protagonista, aveva 47 anni e viveva a Detroit, nello stato del Michigan. All’inizio del suo percorso pesava più di 340 kg. Durante i 12 mesi della cura con il dottor Nowsaradan ha ottenuto risultati molto buoni, perdendo ben 101 kg per arrivare a 239 kg. Merito anche della sua determinazione e forza di volontà, senza le quali ogni terapia sarebbe risultata vana. Teretha si è mantenuta ligia al programma anche dopo la sua fine, e ha continuato a lavorare in palestra per migliorare la sua condizione. Come vedremo nella nuova puntata di Vite al limite, però, il rischio di una ricaduta è dietro l’angolo…
EDS