Riapertura scuola: ingressi scaglionati, mascherine e percorsi nei corridoi

Il ministero dell’Istruzione sta lavorando per strutturare il ritorno a scuola degli studenti in vista del nuovo anno. Ecco le ipotesi al vaglio.

L’anno scolastico in corso verrà concluso con le lezioni a distanza e con il passaggio all’anno successivo di tutti gli studenti. Toccherà agli insegnati fare gli scrutini e assegnare una valutazione sulla base dei risultati ottenuti prima della chiusura. Chi, dunque, avesse manifestato qualche criticità in alcune materie, dovrà recuperare al ritorno in classe. Per quanto riguarda gli esami di maturità il Miur ha deciso che ogni candidato affronterà un esame orale di un’ora in presenza del corpo docente.

Leggi anche ->Coronavirus Scuola: maturità in classe, poi rientro a settembre

Definita la conclusione dell’anno scolastico in corso, il ministero dell’Istruzione sta lavorando per strutturare il ritorno a scuola a settembre. Il governo sta studiando insieme al comitato tecnico-scientifico le misure da adottare per permettere un ritorno sui banchi in totale sicurezza. Tra le varie opzioni si valuta l’adozione di mascherine nei corridoi e in aula e le modalità d’ingresso e di uscita dagli istituti.

Leggi anche ->Coronavirus, Piano scuola: cosa prevede, aiuti alle famiglie

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Riapertura scuola: tutte le ipotesi 

Per quanto riguarda gli ingressi si sta pensando di scaglionare l’arrivo delle classi, permettendo di entrare agli studenti di una singola classe ogni 15 minuti. In questo modo sarà possibile controllare loro la temperatura all’ingresso. Inoltre si pensa di diversificare entrata ed ingresso, in ogni caso anche l’uscita avverrà nel rispetto del distanziamento sociale e dunque, gli studenti dovranno mettersi in fila ed uscire in maniera composta.

Sempre per il rispetto del distanziamento sociale verrà diminuito il numero di studenti per classe. Per facilitare lo sfoltimento delle classi sarà necessario assumere altri insegnanti, e sarà possibile utilizzare laboratori e palestre per fare lezione. Non è chiaro ancora se sarà obbligatorio indossare la mascherina all’interno delle aule o solo nei corridoi. Certo invece l’obbligo di tampone qualora qualcuno tra gli studenti o il corpo docente presenti la febbre. All’interno dei corridoi, inoltre, verranno disegnati per terra i percorsi da seguire per il rispetto della distanza anche durante gli spostamenti.

Fabio Scapellato