Franca Valeri, la confessione sui tradimenti: “La natura è quella…”

Franca Valeri è stata non solo un’eccezionale attrice e artista tout court, ma anche una donna di straordinaria apertura mentale. Ecco il suo pensiero sull’infedeltà coniugale. 

Franca Valeri è non solo la straordinaria icona dello spettacolo e della cultura italiana che tutti conosciamo, ma anche una donna che ha molto amato nel corso della sua lunga vita. Ha conosciuto difficoltà, amarezze e delusioni nella sfera sentimentale, ma non si è mai abbandonata a gelosie, rancori e vendette. Dando prova anche da questo punto di vista di una straordinaria apertura mentale. Scopriamo insieme quello che è il suo pensiero sui tradimenti e l’infedeltà coniugale.

Leggi anche –> Franca Valeri, chi è: età, carriera e vita privata dell’attrice

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’amore in coppia secondo Franca Valeri

La vita privata di Franca Valeri è stata ricca e vivace almeno quanto quella professionale. Ma due storie d’amore in particolare l’hanno segnata nel profondo. La prima è stata quella con Vittorio Caprioli: il regista, conosciuto negli anni ’40 e sposato il 16 febbraio del 1960, è rimasto al suo fianco fino al 1974, quando i due divorziarono. Poco tempo dopo l’attrice si innamorò nuovamente, stavolta di Maurizio Rinaldi, più giovane di lei di quattordici anni: fu lui, stando a quanto dichiarato dalla stessa Valeri, il vero uomo della sua vita.

Franca Valeri non ha mai nascosto di aver lasciato passare ogni scappatella e tradimento dei suoi partner sentimentali. “Non mi sono mai messa nella condizione di essere una stazione di posta – ha detto -. Però mi rendo conto che la natura maschile è quella. Non si può programmare l’eternità. Ogni uomo ha un suo modo di vivere. Anche quando è sinceramente innamorato di te, prova il medesimo sentimento per un’altra. Che cambia? Di occasioni ne avrei avute molte anch’io, ma non ne ho mai approfittato”. Morale della favola: “Guai se la gelosia entra nelle piccole cose. Dividersi per una scappatella è da stron*i”. Una lezione di cui molti possono far tesoro.

EDS