Home News Fase 2, gli psichiatri: “Un milione di italiani teme il ritorno alla...

Fase 2, gli psichiatri: “Un milione di italiani teme il ritorno alla normalità”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19
CONDIVIDI

Secondo gli psichiatri sarebbero circa un milione gli italiani affetti dalla “sindrome della capanna” che temono di tornare ad una vita normale.

In questo inizio 2020 siamo stati travolti da una situazione eccezionale. Il timore di essere contagiati dal Covid-19, l’impossibilità di uscire di casa e di andare a lavoro e la paura di poter fare ammalare chi ci sta intorno hanno lasciato segni sulla psiche di tutti gli italiani. Per certo chi ha subito un lutto o ha avuto familiari e/o amici che hanno rischiato di morire e tutti gli operatori sanitari subiranno una sindrome da stress post traumatico. Mentre chi ha vissuto da esterno la situazione potrebbe sviluppare la “sindrome della capanna”.

Leggi anche -> Fase 2 mezzi pubblici | niente bus senza mascherina | aggredisce conducente

Si tratta in parole povere del timore di tornare alla normalità. I soggetti che ne soffrono, spaventati dalle conseguenze di un eventuale contagio, preferiscono rimanere in casa, un luogo che per il momento li ha tenuti al sicuro. Secondo la Società Italiana di Psichiatria, potrebbero circa un milione gli italiani che hanno sviluppato il timore del ritorno alla normalità.

Leggi anche ->Milano | regole calpestate | assembramenti e niente mascherina | FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Fase 2, sindrome della capanna: un milione di italiani teme il ritorno alla normalità

Intervistati da ‘Tgcom 24’, Massimo di Giannantonio ed Enrico Zanalda – Presidenti del Sip – hanno spiegato: “Stiamo percependo un numero enorme di persone in difficoltà per la paura di affrontare la vita precedente, uscire di nuovo e lasciare la casa che è diventata un rifugio che li ha protetti e tenuti al sicuro dal coronavirus“. Una reazione che è normale dopo due mesi di quarantena e dopo aver vissuto una situazione stressante come questa, ma che bisogna cercare di affrontare.

Gli esperti infatti spiegano che questo timore potrebbe portare a delle conseguenze: “Ma se il disagio si protrae per più di tre settimane ed è acuito dall’incertezza verso il futuro, dalla preoccupazione per la situazione economica e per la precarietà del lavoro, in un caso su tre aumenta il rischio di sviluppare nel tempo veri e propri disturbi mentali, come la depressione maggiore, gli attacchi di panico e disturbi dell’adattamento”. Proprio per evitare simili conseguenze bisogna affrontare le proprie paure e qualora non riusciste a superare insonnia, frustrazione, ansia e irascibilità è meglio che vi rivolgiate ad un esperto.