Home News Chi l’ha visto? Appello di Alice: “L’anoressia mi sta distruggendo” – VIDEO

Chi l’ha visto? Appello di Alice: “L’anoressia mi sta distruggendo” – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:55
CONDIVIDI

Appello video di Alice Cuvato, attraverso Chi l’ha visto?: “L’anoressia mi sta distruggendo non posso andare in ospedale, aiutateci”.

(screenshot video)

Alice Cuvato, una ragazza scomparsa e ritrovata due anni fa, ha voluto lanciare un appello video attraverso la trasmissione ‘Chi l’ha visto?’. La giovane vive quotidianamente sulla sua pelle il dramma dell’anoressia e non sembra riuscire a uscirne.

Leggi anche –> Anoressia | Lorenzo Seminatore morto a 20 anni | mancano strutture in Italia

“Non riesco più a masticare” – la sintesi delle sue parole nell’appello – “La malattia mi sta distruggendo, sono peggiorata e ora non posso nemmeno andare in ospedale”. Un dramma, il suo, che la accomuna a migliaia di persone in Italia.

Leggi anche –> Un viaggio a Magaluf salva una ragazza: “Ha scoperto l’anoressia”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Alice Cuvato e l’appello: “Salvatemi dall’anoressia”

La giovane, originaria di Albisola Superiore, era scomparsa da casa ad aprile di due anni fa. Viveva con la madre, che si dimostrò molto preoccupata per quanto accaduto alla figlia, sostenendo che non stesse passando un bel periodo. Fu poi il padre Ivan ad annunciarne il ritrovamento: “Alice è stata trovata! Sta bene ed è in ospedale per accertamenti! Grazie a tutti per l’interesse, ora per evitare ulteriori condivisioni eliminerò i precedenti post!”.

Oggi Alice Cuvato esce allo scoperto per raccontare il dramma che sta vivendo in queste settimane, anche a causa dell’emergenza Coronavirus: “Questa è una malattia veramente subdola. L’anoressia è una malattia che porta a regredire e io sono peggiorata adesso. Spesso mia madre mi trova svenuta per terra e per camminare uso un carrellino, per quanto sono debole”. Dunque la ragazza si sente abbandonata e lancia una richiesta: “Dateci un’assistenza quantomeno telefonica”.