Home News Israele isola un anticorpo chiave: “Potrebbe neutralizzare il virus”

Israele isola un anticorpo chiave: “Potrebbe neutralizzare il virus”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:41
CONDIVIDI

Procedono a ritmo spedito le ricerche per contrastare il Coronavirus: in Israele un’equipe di scienziati ha isolato un anticorpo “chiave”.

L’attenzione di ricercatori e media è focalizzata principalmente negli studi sulla creazione di un vaccino efficace contro il Coronavirus. Trovarlo significherebbe fare un passo importante verso la sconfitta della pandemia che sta mettendo in ginocchio il mondo, ma per ottenere risultati concreti e poterlo commercializzare (o distribuire gratuitamente) nel mondo il percorso è ancora lungo. Nelle più ottimistiche previsioni, infatti, si parla dell’inizio del 2021 e nei mesi che ci separano da quella data il virus potrebbe presentarsi con una seconda devastante ondata.

Leggi anche ->Coronavirus: trovato un anticorpo monoclonale che lo blocca

Per tale motivo la ricerca procede parallelamente sul tentativo di trovare una terapia che permetta di contrastarlo efficacemente una volta che si presenta. In queste ore, in tal senso, è giunta una notizia incoraggiante da Israele. Pare infatti che un’equipe di scienziati sia riuscita a isolare un anticorpo in grado di distruggere il virus.

Leggi anche ->La cura con il plasma inventata a Pavia funziona benissimo, Covid-19 può essere sconfitto

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Trovato anticorpo in grado di neutralizzare il coronavirus

La notizia dell’importante scoperta israeliana è stata annunciata ai media dal Ministro della Difesa dello Stato ebraico. Questo ha spiegato che si tratta di un passo importante verso la possibile terapia contro il Sars-Cov-2. L’anticorpo monoclonale sviluppato dal laboratorio ebraico, infatti, pare sia in grado di neutralizzare la presenza del virus all’interno dell’organismo.

Alle parole del Ministro si sono aggiunte anche quelle del direttore dell’Istituto Shmuel Shapira, il quale ha spiegato che si tratta di: “un importante progresso per trovare un antidoto al coronavirus”. Questo ha spiegato anche che si sta lavorando per brevettare la formula dell’anticorpo, il quale sarebbe successivamente commercializzato qualora si trovasse un produttore per distribuirlo su larga scala.