Fase 2, regole per avere rapporti sessuali: “Baci sì, ma senza saliva”

Un sessuologo ha spiegato quali sono le regole per avere rapporti sessuali sicuri in questa fase 2, per le coppie stabili e per chi s’incontra adesso.

Sappiamo che a partire da oggi sarà consentita l’attività motoria e lo sport individuale, ma per quanto riguarda il sesso? Inutile negare che molte persone in questi mesi hanno sentito la mancanza di contatto umano e che, nel momento in cui viene concessa la possibilità di vedere il proprio partner, pensi a recuperare quell’intimità che è stata forzatamente negata dalla quarantena. Sarà possibile dunque avere rapporti sessuali con la fidanzata adesso che le regole del lockdown sono state ammorbidite?

Leggi anche ->Autocertificazione Fase 2 | le novità e dove scaricare il modulo | LINK

Un via libera in tal senso è stato dato da un sessuologo spagnolo intervistato dal quotidiano ‘La Vanguardia‘ (riportato in Italia da ‘Il Messaggero’). Questo ha spiegato che i rapporti sessuali saranno possibili ma solo se ci saranno le dovute precauzioni e la necessaria prudenza. Dunque con i partner bisognerà adottare le medesime precauzioni che si adotterebbero con uno sconosciuto, utilizzando il preservativo e curando ancora meglio l’igiene personale. Inutile dire che prima bisognerebbe essere certi che nei mesi precedenti il partner non abbia avuto sintomi d’infezione. Inoltre sono consentiti i baci, ma non la saliva.

Leggi anche ->Fase 2 Conte | “Agite con senso civico | non sprechiamo quanto fatto”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Fase 2: rapporti sessuali con estranei

Proprio la saliva è il veicolo principale di contagio, dunque vanno evitati i baci alla francese ed il sesso orale. Per chi è stato in quarantena o lavora negli ospedali, per il momento è meglio evitare contatti diretti e cercare di stimolare il partner con giochi erotici, videochiamate e autoerotismo. Ben diverso il discorso per le persone che non si conoscevano prima della quarantena.

Dato che non ci sono stati contatti precedenti, è impossibile sapere se in famiglia o personalmente possa aver avuto il contagio. Per loro il sessuologo consiglia un periodo di astinenza sessuale di 15 giorni e successivamente, qualora non ci fossero sintomi riscontrabili, abbandonarsi al piacere con le medesime precauzioni vigenti per i partner stabili.