Coronavirus, Ricciardi: “Non resiste al caldo e sparisce in 2 minuti”

Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute e rappresentante italiano Oms: “Coronavirus non resiste al caldo e sparisce in 2 minuti”.

(ALBERTO PIZZOLI/AFP via Getty Images)

Il Coronavirus non resisterebbe alle alte temperature: lo afferma Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute e rappresentante italiano nel consiglio d’amministrazione dell’OMS, citando uno studio condotto negli Usa.

Leggi anche –> Quando arriva il caldo 2020: ci aiuterà contro il Coronavirus

Spiega il medico e docente in un’intervista al quotidiano La Stampa: “Uno studio presentato il 24 aprile dal sottosegretario alla sicurezza interna Usa alla Casa Bianca mostrerebbe che il virus soffre il caldo umido. Al chiuso, con 24° e 20% di umidità può resistere su una superficie per 18 ore, con 35°e un tasso di umidità dell’80% la sua permanenza non supera l’ora”.

Leggi anche –> Nuovo studio su Coronavirus e clima: caldo e umidità potrebbero sconfiggerlo

Se vuoi seguire tutte le ultime notizie selezionate dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Le parole di Ricciardi sulla diffusione futura del Coronavirus

(LAURENT EMMANUEL/AFP via Getty Images)

“Se poi si è al sole bastano 24° e lo stesso livello di umidità perché scompaia in due minuti”, aggiunge Ricciardi. Si tratta di uno studio teorico, bisognerà vedere cosa accadrà col caldo: “Vedremo a giugno quando con il caldo umido il virus potrebbe attenuarsi”. Attenzione, questo non vuol dire che il Coronavirus sparirà: “Il virus circolerà lo stesso e dovremo continuare a rispettare le regole igieniche e sul distanziamento. Però potremmo conviverci meglio”.

Ricciardi conferma poi che l’Italia ha pagato in questa emergenza “anni di disinvestimenti in sanità, in particolare dei servizi territoriali. Il ministro Speranza ha pronto un piano di rafforzamento del territorio. Ma dovremo fare tesoro di questa esperienza per rifondare il nostro Ssn, a cominciare dai medici di famiglia e dai servizi territoriali che devono lavorare in raccordo con gli ospedali”. Le precauzioni da usare nelle prossime settimane, dunque, non cambieranno.