Ragazzi morti | overdose letale durante festino in piena quarantena

Le forze dell’ordine hanno trovato due ragazzi morti che nella serata di domenica 26 aprile 2020 si erano incontrati con delle coetanee.

Ragazzi morti overdose
Due ragazzi morti di overdose durante un festino privato in piena quarantena Foto dal Web

A Colico, in provincia di Lecco, due ragazzi sono morti nel corso di un ritrovo in una abitazione privata. Nonostante i divieti a riunirsi ed a creare assembramenti, un 18enne ed un 19enne avevano organizzato un incontro con due loro coetanee, nella giornata di ieri.

LEGGI ANCHE –> Trovata viva in ospedale dopo un mese: era stata dichiarata morta per il Coronavirus

Da quanto si apprende, il festino era a base di stupefacenti e proprio questo ha finito con l’uccidere i due ragazzi morti per una evidente overdose. Le due vittime provenivano rispettivamente da Piantedo, in provincia di Sondrio, e di Sorico, nel Comasco. Il secondo era un giovane di colore, non si sa se nato in Italia oppure se giunto successivamente nel nostro Paese. L’appuntamento era avvenuto nella tarda serata. Le due amiche hanno poi avvertito i carabinieri che le hanno sottoposte ad un interrogatorio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Kim Jong Un è morto, l’annuncio da Hong Kong: si attendono conferme

Ragazzi morti, evidente la causa della morte: si tratta di overdose

Loro due stanno bene. All’inizio si era pensato ad un guasto da attribuire ad una stufa utilizzata per riscaldare l’ambiente, e che potrebbe avere causato il soffocamento dei due giovani. Però il personale medico, una volta raggiunto il posto, ha subito compreso come la causa del decesso dei giovani fosse da attribuire a ben altro. Ora l’appartamento dove il tutto è avvenuto è sottoposto a sequestro. Il magistrato di turno poi ha ordinato anche lo svolgimento di un esame autoptico sui corpi dei giovani, allo scopo di dare una conferma ufficiale alle cause della morte.

LEGGI ANCHE –> Massimo Ranieri, morto il nipote di 33 anni: chi era Andrea Nava