Gad Lerner, chi è: età, carriera, vita privata del giornalista

Gad Lerner è uno dei volti più noti e affermati del giornalismo italiano. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui.

Giornalista, conduttore televisivo e saggista: Gad Lerner è un protagonista di spicco sulla scena culturale italiana e non solo, con una lunga e brillante carriera alle spalle. Conosciamolo più da vicino.

Leggi anche –> Gad Lerner, Forza Nuova a Prato gli urla contro: “Ebreo” – VIDEO

Leggi anche –> Gad Lerner, 69mila euro per cinque mesi di lavoro: ecco quanto ci costa

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Gad Lerner

Gad Eitan Lerner, noto semplicemente come Gad Lerner, è nato a Beirut il 7 dicembre 1954 da una famiglia ebraica stabilitasi in Palestina sin da prima della fondazione dello Stato ebraico (lì vivono ancora molti suoi parenti), ma è vissuto a Milano sin dall’età di tre anni, frequentando poi il liceo classico Giovanni Berchet. Nel 1967 chiese la cittadinanza italiana a cui aveva diritto come apolide residente da dieci anni ma la domanda venne accettata solo nel 1986, dopo quasi 30 anni di soggiorno ininterrotto in Italia, grazie al primo matrimonio contratto con una cittadina italiana. Si è sposato in seconde nozze con Umberta e ha cinque figli. È proprietario di una cascina, dove coltiva uva da vino barbera e nebbiolo, e fin da bambino è tifoso dell’Inter.

Gad Lerner ha cominciato l’attività giornalistica nel 1976 nel quotidiano Lotta Continua, di cui diventa vice-direttore, per poi lasciare la redazione nel 1979. In seguito ha lavorato al quotidiano Il Lavoro di Genova, a Radio Popolare, al manifesto e al settimanale L’Espresso. Il salto di qualità e la fama sono arrivati con una serie di programmi tv firmati e condotti in video per Rai 3, tra cui Profondo Nord e Milano, Italia. Tornato alla carta stampata, dal 1993 al 1996 è stato vicedirettore de La Stampa, prima di tornare nuovamente al piccolo schermo per condurre su Rai 1 e poi su Rai 2 Pinocchio (1997-1999).

Nel luglio 2000 Gad Lerner ha ottenuto la direzione del TG1, da cui si è dimesso il primo ottobre a seguito di molte critiche e accuse, tra cui quella di non avere mandato in onda l’ultima intervista del giudice Paolo Borsellino. Le dimissioni sono state annunciate a seguito delle polemiche scaturite da un servizio sulla pedofilia mandato in onda nell’edizione di prima serata del giornale contro un preciso divieto del giornalista stesso. Nel discorso di congedo tenuto in tv ha affermato di essere stato colpevolmente disattento e in chiusura ha riferito di un episodio in cui il presidente della Commissione di Vigilanza Rai – Mario Landolfi di Alleanza Nazionale – nel corso di un pranzo gli avrebbe chiesto di “sistemare” una persona passandogli un biglietto. Landolfi ha ammesso di aver agito in modo “inopportuno”, ma ha poi querelato Gad Lerner per diffamazione (i giudici hanno assolto il giornalista).

Nel 2001 Gad Lerner è passato a Tele Monte Carlo, destinata a diventare da lì a poco LA7, dove per un breve periodo ha assunto l’incarico di direttore dei notiziari e ha poi condotto per 10 anni il programma di approfondimento L’infedele. E stato anche editorialista del Corriere della Sera, consulente sui temi della comunicazione per personalità politiche, collaboratore di Repubblica, Vanity Fair Italia e Nigrizia. Ed è autore di diversi libri, tra cui Operai del 1988, Il millennio dell’odio del 2000 e Tu sei un bastardo, pamphlet sul meticciato sociale e culturale dell’epoca odierna. Nell’ultimo libro Scintille (2009) parla del suo ritorno ai luoghi di famiglia, l’Ucraina e il Libano. Il 23 agosto 2017 ha annunciato con un editoriale su Nigrizia le sue dimissioni dal Partito Democratico a causa di contrasti sulla gestione della politica migratoria. Il 10 aprile 2019 Lerner, dopo varie esperienze con altre testate, ha dato notizia del suo ritorno a Repubblica.

EDS

gad lerner ebreo prato