Gaia morta a 27 anni di Coronavirus, la famiglia chiede chiarezza

Il decesso di Gaia Contini morta a 27 anni di Coronavirus, la famiglia chiede chiarezza: i dubbi sulla morte, si attende l’autopsia.

(Twitter)

Tanti i punti oscuri sul decesso di Gaia Contini, avvenuto lo scorso 21 marzo all’istituto Maugeri di Veruno per Coronavirus. I familiari della ragazza, 27 anni, chiedono chiarezza su quanto accaduto. In particolare, Silvana Vinci, zia e tutrice legale della giovane ha avanzato un esposto.

Leggi anche –> Claudia Gerini, la ‘quarantena’ dell’attrice con le figlie – VIDEO

La giovane soffriva di sclerosi tuberosa, una malattia genetica, ed era in attesa di un trapianto dei polmoni, ma stando ai suoi familiari era stata giudicata idonea oltre un anno fa e comunque era in buone condizioni di salute.

Leggi anche –> Germania: migliaia di uccelli morti in pochi giorni – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I dubbi dei familiari di Gaia Contini, morta di Coronavirus

“Dopo l’autopsia negata, non sappiamo neanche dove sia finito il corpo”, denuncia la zia, che spiega anche: “Gaia aveva lasciato detto che voleva stare con i suoi nonni, era già stato preparato il loculo, ma ora non sappiamo neanche dov’è”. Dal Maugeri, replicano: “La salma è disposizione dell’Autorita giudiziaria nella Camera mortuaria dell’Istituto, dove si trova da subito dopo il decesso”. La famiglia denuncia anche di aver appreso che la ragazza fosse risultata positiva solo ai primi di aprile.

Viene spiegato che fino al 10 marzo i parenti andavano regolarmente a farle visita. Invece, dal 12 marzo gli incontri vengono sospesi. La zia parla con un medico il 20 marzo, giorno prima del decesso. I parenti di Gaia Contini chiedono ora chiarezza su quanto accaduto, vogliono sapere se la ragazza sia stata curata in maniera adeguata e l’esposto nasce proprio da questo.