Coronavirus, effetti positivi da Tocilizumab: “77% miglioramenti”

“77% miglioramenti” di casi di Coronavirus trattati con Tocilizumab a Brescia: lo studio sugli effetti positivi del farmaco anti artrite.

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Il farmaco antiartrite Tocilizumab continua a mostrare la sua efficacia nella lotta al Coronavirus. Qualche settimana fa, l’Aifa ha approvato il protocollo per la sperimentazione del farmaco. La prima sperimentazione riguarda 250 pazienti.

Leggi anche –> Coronavirus: 250 malati curati con il farmaco Tocilizumab

In queste ore, arrivano i risultati di una sperimentazione su 100 casi trattati presso gli Spedali Civili di Brescia. Nel 77% dei casi, secondo quanto si apprende, le condizioni respiratorie dei pazienti sono migliorate o stabilizzate.

Leggi anche –> Coronavirus Italia | sperimentato con successo farmaco per artrite reumatoide

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tocilizumab contro il Coronavirus: i risultati a Brescia

Secondo l’Università di Brescia, questo studio “mostra che la polmonite Covid-19 con sindrome da distress respiratorio acuto è caratterizzata da una sindrome iperinfiammatoria e sostiene l’ipotesi che la risposta al Tocilizumab si associa ad un significativo miglioramento clinico”. Nicola Latronico dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione e portavoce dello studio spiega che questo ha riguardato pazienti trattati tra il 9 e il 20 marzo.

Su 100 pazienti, si apprende, “43 hanno ricevuto il Tocilizumab nell’unità di terapia intensiva, mentre gli altri erano fuori dall’unità di terapia intensiva per indisponibilità di letti. Di questi 57 pazienti, 37 (65%) sono migliorati e hanno sospeso la ventilazione non invasiva, 7 (12%) I pazienti sono rimasti stabili nell’unità di terapia intensiva e 13 (23%) pazienti sono peggiorati”. Dei 13 peggioramenti, 10 sono deceduti e si tratta di pazienti in terapia intensiva. Dei 77 pazienti migliorati in 10 giorni, 15 sono stati dimessi. Si tratta in ogni caso di pazienti gravi.