Vigevano, lite tra famiglie: bimbi colpiti da acido portati in ospedale

Una donna infuriata con il vicino gli ha spruzzato contro dello sgorgante per wc contenente acido solforico ed ha colpito i figli di 9 e 3 anni.

La strada San Marco 6, a Vigevano, è nota nell’ultimo periodo per le tensioni tra il vicinato. In diverse occasioni infatti, proprio da quella zona le liti condominiali sono sfociate in episodi di cronaca. In un periodo in cui si è forzatamente costretti a rimanere in casa, i rapporti di vicinato già logori da tempo non possono che peggiorare e lo dimostra quanto successo ieri pomeriggio.

Leggi anche ->Pozzuoli, lite familiare finisce in tragedia: uomo uccide il fratello

Due famiglie egiziane residenti in zona hanno cominciato a litigare dai balconi dei rispettivi appartamenti. La lite ha portato una donna di 30 anni ad avere una reazione eccessiva: questa ha infatti preso lo sgorgante per wc (al 98% composto da acido solforico) e con un gesto impulsivo ha cominciato a spruzzarlo contro il vicino. Questo è riuscito a scansarsi in tempo prima di essere colpito, ma dietro di lui c’erano i figli. I bimbi, un bambino di 9 anni e la sorellina di 3, sono stati raggiunti dagli schizzi al viso, al collo e al torso.

Leggi anche ->Piacenza, ragazzo sfonda la porta durante un litigio e muore dissanguato

Bimbi colpiti dall’acido portati in ospedale

L’acido contenuto nel prodotto a contatto con la pelle dei piccoli ha cominciato a generare delle dolorose ustioni. I genitori dei piccoli hanno immediatamente chiamato il numero delle emergenze per denunciare l’accaduto e richiedere l’intervento dei sanitari. La bimba è stata trasportata all’ospedale Niguarda di Milano, mentre il fratellino è stato portato in elicottero al Pronto Soccorso di Vigevano. Inizialmente era previsto un trasferimento a Bergamo, ma i genitori si sono opposti a causa dell’emergenza Covid-19.

Per quanto riguarda la donna che ha ferito i bambini, i carabinieri di Vigevano hanno raccolto la denuncia dei vicini e hanno aperto un provvedimento con l’accusa di lesioni aggravate. Solitamente si sarebbe proceduto con l’arresto dell’aggressore, ma in questo caso la donna è stata lasciata a piede libero poiché incinta.

donna lancia acido bimbi