Multa record per anziano e fidanzata | da Milano a Savona per andare al mare

Una coppia non si cura affatto dei divieti di circolare in piena emergenza Coronavirus e se ne va al mare. Il loro lungo viaggio termina con una maxi multa.

multa coronavirus
Ennesimo episodio controverso con tanto di multa nei controlli Coronavirus Foto dal web

Un anziano e la sua fidanzata si sono messi in viaggio da Milano fino alla Liguria per andare al mare. L’uomo ha 80 anni ed una volta scoperto dalle forze dell’ordine ha ricevuto la sanzione amministrativa prevista per avere deliberatamente violato il divieto di uscire di casa se non per motivazioni urgenti e strettamente necessarie.

LEGGI ANCHE –> Supermercati | attenti alla truffa dei falsi buoni spesa

Si tratta come noto di un obbligo comunicato dal Governo tramite apposito Dpcm per cercare di arginare il più possibile la diffusione del Covid 19 che in Italia ha fatto i seguenti numeri. I casi totali ufficialmente registrati dall’inizio della pandemia ammontano a 168.941. I positivi al 17 aprile 2020 sono 106.607, con 40.164 guariti e 22.170 decessi. L’80enne dovrà ora pagare una multa salata, dopo che con la sua partner (anch’ella sanzionata) è stato sorpreso dalla polizia locale di Borgio Varezzi, in provincia di Savona. Si tratta di una rinomata località di mare di quella parte della riviera ligure. Sorprende però come per entrambi sia risultato relativamente facile compiere il viaggio che dalla Lombardia li ha portati in un’altra regione. dopo un viaggio di 200 km durante il quale nessuno li ha controllati o fermati.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Uomo esce di casa nonostante la quarantena: rischia 1 anno di carcere

Multa per due irresponsabili, il sindaco li attacca: “Incoscienti”

Il fatto è diventato di dominio pubblico dopo che ci ha pensato Renato Dacquino, sindaco di Borgio Varezzi, a parlare di quanto successo. Il primo cittadino della località savonese non è stato affatto tenero con i due irresponsabili, ed a giusta ragione. Dacquino li ha definiti “incoscienti e superficiali. Da comportamenti talmente stupidi ed egoisti come questo nasce il rischio dei contagi. Come fa certa gente a non rendersene conto? In questo periodo è fondamentale dare il buon esempio, soprattutto da parte delle persone adulte che sono doppiamente responsabili”.

LEGGI ANCHE –> Lombardia | Fontana propone la settimana lavorativa ‘lunga’